spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino PDF Stampa E-mail

Mi sono chiesto come sia stato possibile che all'occhio vigile di Cavour e alla mano ferma di Garibaldi, sfuggisse il (piccolo) stato di San Marino.

Ebbene, ho fatto una piccola ricerca e riporto il contenuto del sito Wikipedia di seguito:

"Durante il Risorgimento San Marino costituì un rifugio sicuro per molti dei personaggi che parteciparono ai moti di quegli anni, ai quali presero parte anche alcuni cittadini sammarinesi. Durante le vicende che hanno portato all’Unità d'Italia, San Marino assunse fortunosamente un ruolo fondamentale per Garibaldi che trovò rifugio sul Monte Titano quando, nel 1849, nel tentativo di raggiungere Venezia, si ritrovò circondato da quattro eserciti a Macerata Feltria. Garibaldi chiese di transitare attraverso San Marino alConsigliio Grande e Generale. In un primo tempo la richiesta venne respinta; successivamente venne reiterata, ma Garibaldi senza aspettare risposta oltrepassò i confini con i millecinquecento uomini rimasti e presentò personalmente domanda di asilo. Uno dei Capitani Reggenti, Domenico Maria Belzoppi I – che era liberale e carbonaro e fu incarcerato in seguito ai moti di Rimini del 1845 – glielo concesse in cambio della garanzia dell’indipendenza e della difesa del piccolo Stato da scontri armati. In seguito San Marino continuò a supportare i rifugiati e ad appoggiare le rivolte, pur in un clima di sospetto da parte dello Stato Pontificio e dell'Austria. I due Paesi progettarono un'occupazione armata per mettere in discussione la libertà della Repubblica. Grazie all'intervento della Francia di Napoleone III questo tentativo non ebbe esito. Con l’Unità d’Italia vennero meno i pericoli di invasione da parte di Stati stranieri. Un “Trattato d’amicizia” firmato il 22 marzo 1862 e revisionato nel 1939 e nel 1971garantisce l’indipendenza della Repubblica, il buon vicinato e favorisce le relazioni commerciali. Le revisioni hanno provveduto a stabilire un’unione doganale e un contributo annuale garantito dall’Italia."

Insomma il nostro garibaldo fu un vero e proprio "UOMO D'ONORE"!!! Per ringraziare dell'ospitalità ricevuta, risparmiò il piccolo staterello dal processo d'unificazione.

Chissà se a San Marino ci sono statue e piazze intitolate al mitico eroe.....

Forza e onore!!

P. Lancia

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 45 visitatori online
Utenti
20267 registrati
0 oggi
4 questa settimana
1522 questo mese
Totale Visite
11424655 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer