spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow L'Albero della Libertà - nostra lettera pubblicata da Maurizio Blondet

L'Albero della Libertà - nostra lettera pubblicata da Maurizio Blondet PDF Stampa E-mail

http://www.effedieffe.com/lettere.php

30/08/2007
10.30
L’albero della Libertà

Gentile direttore,

le scrivo in merito all’articolo “Sparito il capitale sociale” in cui fa una ottima analisi dell’attuale situazione economica e riflette sulle possibili e costruttive soluzioni.
Lei scrive che la Rivoluzione Americana non ha nulla a che fare con il Giacobinismo Europeo, perchè scacciò gli inglesi dagli Stati Uniti, tuttavia furono proprio gli animi caldi dell’Illuminismo francese ad accendere la scintilla nelle menti dei rivoluzionari americani.
E’ di conoscenza comune il fatto che la Francia intervenne a fianco dei coloni insorti, sostenendoli economicamente e militarmente.
Le conseguenze della rivoluzione americana in Inghilterra, costrinsero Giorgio III a rinunciare al tentativo di far prevalere le prerogative della corona a scapito del Parlamento.
Nemmeno un secolo dopo, nel 1861, scoppiò la Guerra di Secessione, stesso anno in cui si era conclusa la Rivoluzione Italiana.
(A cui peraltro parteciparono dei fedelissimi ma scomodi soldati borbonici che Cavour fece deportare negli States).
Anche se lei prende le distanze dal Giacobinismo europeo, però auspica un nuovo Albero della Libertà, che ricordo è invenzione giacobina.
Durante la Repubblica Partenopea (o meglio la colonia francese di Napoli) ne fu eretto uno anche a Napoli, nella zona vicino il porto denominata “Porto Salvo” e che fu sradicato dai “rivoluzionari” dell’Armata della Santa Fede del cardinale Fabrizio Ruffo, il 13 giugno del 1799.
Al suo posto fu eretta una stele, presente ancora oggi, denominata “Guglia di Porto Salvo” che presenta un effige della Madonna, un crocifisso in alto e delle iscrizioni in latino che parlano di “perdono” e non di “rivoluzione”.
Ma chi decide chi sono patrioti e chi i tiranni?
Chi decide chi siano i buoni ed i cattivi?
Ma siamo sicuri che il popolo americano sia davvero così innocente ed ingenuo?
Io credo invece che parecchi americani, molti dei quali oggi sono nei guai, abbiano gli occhi accecati dal materialismo che dopo averli malsaziati, adesso chiede il conto.
Credo che la rivoluzione sia necessaria prima nell’anima, altrimenti si rischia che i “poteri forti” prendano le redini di una rivoluzione per diventare ancora più forti, come succede peraltro in tutte le rivoluzioni fisiche.
“Cambia tutto per non cambiare nulla” diceva il saggio Tomasi da Lampedusa.

Cordiali saluti

Davide C.

Articolo che ha suscitato la lettera:

http://www.effedieffe.com/interventizeta.php?id=2213¶metro=


< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 68 visitatori online e 1 utente online
  • Sery69
Utenti
20032 registrati
6 oggi
10 questa settimana
1685 questo mese
Totale Visite
11064609 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer