spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Dopo centoquaranta...- Mosca

Dopo centoquaranta...- Mosca PDF Stampa E-mail
Guarda che non è vero che i libri da noi costano di più che a Bolzano;
i giornalisti come al solito dicono le cose senza spiegarle.
Allora, i prezzi dei libri scolastici sono imposti dagli editori e,
per quanto riguarda le scuole elementari, concordati con il Ministero
(i libri delle elementari, comunque, per le scuole statali e paritarie
sono a carico dei comuni). Sebbene il prezzo imposto teoricamente non
esista, e quindi quello indicato in copertina deve essere considerato
più che altro un prezzo suggerito o consigliato (a parte il prezzo
ministeriale per la scuola primaria), le librerie difficilmente
praticano sconti (io per esempio acquisto da una cooperativa di cui
sono socio, grazie alla quale arrivo a sconti del 15%), anche perché
l'IVA è assolta a monte dall'editore sul prezzo intero, il che incide
sul margine di guadagno del libraio. Il sistema è cioè ibrido tra
quello del mercato libero e quello dell'edicola (che, per ragioni
penso conosciute ai più, anche se la legge glielo consentisse non può
praticare sconti sui prezzi di giornali e riviste).
Quello che è accaduto è che, stilando la graduatoria delle scuole
secondarie italiane, è emerso che facendo la somma dei prezzi di
copertina di tutti i libri adottati nella singola classe, nella
provincia di Napoli mediamente mediamente si sfora di un tot (mi
sembra 40 euro) il tetto massimo di spesa fissato per decreto
ministeriale.
Piuttosto, diciamo che al mercato di Torino mia zia nella tarda
mattinata compra due chili di pesche a 1 euro, mentre mia madre, se
tutto va bene, per il 50% in più riesce a comprarne la metà.

Quanto al resto, finché ai settentrionali non sapranno la verità, e
cioè che noi stiamo nelle condizioni in cui stiamo a causa del
saccheggio operato dai Piemontesi nei nostri territori, allora non
potranno che tacciarci di essere degli incapaci. Purtroppo la memoria
storica non riesce ad andare indietro di 140 anni (sebbene
nell'economia di una storia non siano così tanti) e finché i libri
della scuola dell'obbligo (più su qualcosa sta cominciando a cambiare)
continueranno a raccontare la favoletta delle Due Sicilie come stato
tiranno e arretrato al quale i Savoia hanno portato benessere e
libertà, non credo che le cose potranno cambiare.

Un abbraccio a tutti


Amedeo Francesco Mosca

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 69 visitatori online
Utenti
20145 registrati
0 oggi
11 questa settimana
1408 questo mese
Totale Visite
11274657 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer