spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Considerazioni sulla risposta di Blondet

Considerazioni sulla risposta di Blondet PDF Stampa E-mail

Ho letto la risposta che M Blondet ha dato alla lettera di Mario Bellotti.

Mi sembra che essa si presti ad alcune considerazioni che qui vorrei fare.

 

Innanzi tutto, se il titolo dell’articolo di Blondet, articolo che non ho letto, era … Senza patria si brucia beh, ritengo che esso si attagli tanto bene alla condizione di noi meridionali orfani della patria duosiciliana, che propongo quasi di adottarlo come résumé, come sintesi lapidaria della nostra condizione post unitaria. Dunque merci, monsieur  Blondet! 

 Blondet,poi, pone una domanda a Bellotti: perché non è stato il Sud a unificare l’Italia?

La risposta, a guardare le condizioni pre e post unitarie delle due parti in causa (regno di Sardegna e Regno delle Due Sisiclie) mi sembra fin troppo evidente: buttando lì, così, certo non da storico, mi viene infatti da dire … perché non aveva, il sud borbonico, le pezze al c. così come, invece, le avevano i tosco piemontesi (“la Toscana e il Piemonte erano indebitati fino ai capelli” conclude infatti, alla fine della sua lunga ed approfondita analisi, Francesco Saverio Nitti). E, rincarando la dose (sempre Nitti) … “il regno di Sardegna era in pieno fallimento” poco prima dell’unità. Logico pensare, dunque, che la sua classe dirigente, i suoi maggiorenti, spaventati dal crac imminente si scoprissero (per dirla con Blondet) improvvisamente pervasi da un profondo senso dell’Italia e, scevri da particolarismi (…Dio!! Non ho parole né respiro!), si dedicassero, con tanti sacrifici e senza preoccupazione alcuna per l’avvenire loro e di quello della lor Terra, all’unificazione dell’Italia (rivelatasi poi – ma guarda! - tanto cara al Capitale del Centro - Nord.).

 

Mi si consenta un inciso:  non  è consolante vedere come, qua e là, nella più terrena umanità , ogni tanto si accenda una  fiammella che dà il segno della presenza, in tanta gretta  umanità, di un etereo anelito all’Infinito e all’Assoluto?! Il risorgimento è una di esse, a quanto pare!

 

Il Regno delle Due Sicilie con la bilancia commerciale in attivo nei confronti di tutte le regioni italiane pre unitarie (Toscana esclusa), con un export verso gli USA che era il quintuplo di quello del Piemonte, con un export consolidato e in espansione verso il resto d’Europa, non aveva nessun interesse a fare una guerra di conquista: non ne aveva motivazione alcuna e, anzi, aveva motivazione al contrario. Forse, aggiungerei, era anche una questione di civiltà; ma questa è una mia opinione e la tengo per me.

 

Come chicca finale Blondet ci regala una frase (“anche la politica aborre il vuoto”) con la quale vorrebbe significarci che, in fondo, mancando i Borbone di senso dell’Italia (vedi sopra), non scevri da particolarismi (idem) come sarebbero stati a suo giudizio, infondo essendo un aborto della ... cosa politica, sono stati dalla storia esclusiper colpa loro (ma guarda un po’!).

 Mah! Essendo una bufala la premessa (il senso dell’Italia, i particolarismi), è vacuo ciò che da essa discende. Quindi ….

Io la vedo così!

Futuro

 

 P.S . A proposito di vuoto: “…anche la politica aborre il vuoto”, scrive il nostro. Sì, è vero: fisici e cosmologi ci insegnano che il vero vuoto non esiste…sì, ma allora perché esiste il vuoto di idee e d’onestà intellettuale?

Non mi torna.

 Che i fisici debbano rivedere qualche loro teoria?

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 93 visitatori online
Utenti
20019 registrati
1 oggi
11 questa settimana
1672 questo mese
Totale Visite
11053317 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer