spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow La Colonna Infame arrow Alessandro Nunziante

Alessandro Nunziante PDF Stampa E-mail

Alessandro Nunziante

Messina 30/7/1815 -Napoli 6/3/1881

Generale

Alessandro Nunziante era figlio di Vito, tenente generale.

La carriera del padre inizia nel 1799 e faceva parte oramai della leggenda, da semplice alfiere aveva raccolto intorno a se una nutrita banda di volontari che contribuì in modo sostanziale a liberare il regno dalla presenza dei giacobini.

Ferdinando I lo colmò di onori e Vito Nunziante seppe ricambiare dando prova di valore e di fedeltà fino alla definitiva riconquista del regno nel 1815.

Grazie al padre, Alessandro crebbe quindi in una atmosfera di grande stima da parte del sovrano, che ebbe riguardi pari ad un proprio figlio.

Il 12 novembre 1827 entrò alla Nunziatella.

Nel 1855 fu promosso generale di brigata.

Salito al trono Francesco II l'influenza di Nunziante a corte aumentò paurosamente e il giovane sovrano lo nominò suo aiutante generale, purtroppo Francesco II riponeva in lui, novello Caino, una totale fiducia.

Nunziante fu estroverso, superficiale, presuntuoso, frivolo ed avido di danaro.

Nel marzo 1860 fu promosso maresciallo di campo.

Dopo la perdita della Sicilia ritenne giunto il momento buono per abbandonare il Borbone, prese contatto con esponenti pro savoia per preparare il suo passaggio nell'esercito sardo, chiese le dimissioni dal servizio e vedendo che il re tardava a prenderle in considerazione giunse a chiederle pubblicamente, la cosa fece molto scalpore ma non all'interno dell'esercito dove il generale godeva di nessuna stima.

Lasciò Napoli alla volta di Torino, dove offr? spudoratamente i suoi servigi a Cavour.

Il 15 agosto si recò a Napoli nel tentativo di convincere i comandanti dei battaglioni cacciatori al tradimento, ma fu del tutto inutile,riuscì solo ad ottenere il disgusto dei suoi antichi sottoposto, dovette fuggire notte tempo e rientrare come un cane a Torino.

Persino il suo più fedele collaboratore, il capitano Federico Fiore, smise di ubbidirgli e lo abbandonò, costui sarà tra i più valorosi sui campi del Volturno.

La storia dettagliata del tradimento di Nunziante e i documenti che lo comprovano, tutti firmati da Cavour, sono pubblicati nel diario dell'ammiraglio piemontese Persano.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 18 visitatori online
Utenti
20145 registrati
0 oggi
11 questa settimana
1408 questo mese
Totale Visite
11273847 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer