spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow La Colonna Infame arrow Giuseppe Ghio

Giuseppe Ghio PDF Stampa E-mail

 

Giuseppe Ghio

Palermo 20/8/1818 - Napoli 24/1/1875

Generale

Allievo della Nunziatella dal 1828 al 1836, compagno di corso di Pianell, aveva anch'egli beneficiato dell'acquisto del grado di I tenente nei reggimenti siciliani.

Nel 1851 dette le dimissioni dall'esercito per motivi di salute mentale, riapparendo nel 1854 come maggiore del 5? di linea.

Ghio soffriva di esaurimento nervoso.

 

Nel 1855 fu promosso tenente colonnello comandante il 7 cacciatori, 2 anni dopo fu inviato all'insegumento di Carlo Pisacane, pur avendo fatto ben poco in quella circostanza, perchè come è noto furono gli abitanti di Sapri a massacrare Pisacane ed i suoi accoliti, Ghio se ne prese gran merito nei rapporti inviati al re.

Castelcicala in una lettera inviata al re, datata 23/2/1860,dichiarava: ''Con dispiacere sento dalle lettere di Rivera (Gaetano Afan de Rivera) che Ghio da forti segni di alienazione mentale'', per mancanza di ufficiali non fu messo a riposo.

Salito al potere il tristo Pianell, Ghio fu promosso generale ed inviato in Calabria, secondo il disegno desolante del Pianell, nessuno meglio di Ghio poteva mettere in atto il suo piano di dissolvimento.

Ghio comandava diecimila uomini con quattrocento cavalli e dodici pezzi d'artiglieria, il 25 agosto scriveva alla moglie: ''io saprò sottomettermi a tutto meno che al disonore e al tradimento'', non fu così, allo scontro col nemico garibaldese poteva tentare,ma preferì cedere senza lottare e fu costretto a rifugiarsi presso il granmassone per non fare la stessa fine del suo degno compare Briganti.

Giunto a Napoli,accettò la proposta di Garibaldi, il comando della piazza di Napoli, presentandosi in uniforme piemontese, ma il 17 marzo del 1861 fu messo a riposo, non aveva che 42 anni.

Fu trovato morto nei fossi dei Ponti Rossi a Napoli il 24/1/1875 e non si sa se suicida o assassinato.

 

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 53 visitatori online
Utenti
20310 registrati
2 oggi
9 questa settimana
1692 questo mese
Totale Visite
11488481 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer