spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Se qualcuno s’era illuso

Se qualcuno s’era illuso PDF Stampa E-mail

Se qualcuno s’era illuso che la resistenza della gente contro la discarica de Lo Uttaro fosse finita appare evidente che vi è un errore in questa rappresentazione apparente della realtà. L’apertura della discarica manu militari ha certamente portato un colpo pesante al comitato e creato qualche problema nell’azione di cittadini e associazioni.

Ma la crisi dell’immondizia purtroppo non si ferma a LoUttaro ed è fisiologico continuare la resistenza. Non c’è fine in questa vicenda scellerata i cui contorni vanno oltre la  prospettiva della discarica ed i confini della conurbazione casertana e tallonano pericolosamente oggi più di ieri la nostra vita. Bertolaso non si accontenta della Mastropietro, ha altre mire per imbucare i rifiuti in cave o luoghi simili. Lo Uttaro come un tappeto nasconde l’immondizia tolta da sotto casa ma non avrà fine, come una pessima metafora del nostro paese. Intanto la gestione dell’impianto avviene come è sorto nella massima illegalità, senza rispetto delle elementari regole. Il percolato scorre a fiumi, i camions sono spesso senza copertura, il materiale immesso non è quello previsto dal protocollo, non ci sono laboratori per le analisi. La apertura di una discarica nell’immediata periferia di Caserta è solo il segmento di una più complessa storia che sta vedendo la fine di ogni civiltà nel nostro ambito comunitario. I quotidiani modi di vita, la sopravvivenza stessa della gente è messa in discussione da un complesso pericoloso fatto di molteplici livelli e contro tutto questo non si può tornare a casa come se nulla fosse. Il comitato è un forte in cui molti trovano rifugio per reagire anche oltre il singolo avvenimento, una necessità di sopravvivenza nata spontaneamente e pluralisticamente nella crisi generale della Campania. Non basteranno le invettive di politici ed amministratori slegati dalla realtà o le minacce di repressione a far cessare un azione che è diventata un riflesso condizionato, un istinto di sopravvivenza. Fin quanto non vi sarà la bonifica delle terre, la raccolta differenziata, la normalità delle cose il comitato lavorerà in tutti i modi possibili. Per questo manifestiamo il 9 giugno a San  Nicola, per mostrare  che siamo sempre di più a reagire.

Pasquale Costagliola

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 63 visitatori online
Utenti
20145 registrati
0 oggi
11 questa settimana
1408 questo mese
Totale Visite
11273682 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer