spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Lettera pubblicata da Blondet su effedieffe.com

Lettera pubblicata da Blondet su effedieffe.com PDF Stampa E-mail

link: http://www.effedieffe.com/lettere.php

Centralismo

Caro Direttore,

Lei non perde occasione per denunciare i particolarismi italioti, gli interessi di quartiere e di pollaio che sbrandellano la società e che frantumano l’economia, ed esprime spesso la sua posizione centralista nell’amministrazione pubblica, come soluzione per i nostri mali.
Poi, al contempo (e stavolta in modo sacrosanto!) irride (perché è meglio e più efficace ridere che piangere e strillare sguaiatamente) ai figuri che compongono la triste classe dirigente italiota, dai politicanti-burocrati agli industriali ai magistrati.
Parassiti li chiama giustamente; e osserva che non si è mai visto in natura che un organismo parassita si auto-riduca.
E infatti, è del tutto improbabile che l’Italia migliori, facendo tutto da sola e senza prendersi nemmeno il fastidio di un pizzico di seria autocritica. Centralismo o non centralismo.
Non voglio sembrarle pessimista, perché in realtà non lo sono, anzi posseggo quella naturale predisposizione italiana, ancora più spiccata nei napoletani, all’ottimismo e alla fiducia nel futuro.
E poi con mia moglie incinta, non potrei nemmeno permettermelo, il pessimismo.
Però il mio non è un ottimismo sciocco, irresponsabile e sognatore, o peggio ancora nostalgico di qualche autoritarismo che rimetta a posto le cose.
Peraltro, pur non essendo un fanatico delle idee nazionalistiche, concordo sul fatto che il concetto di “patria” aiuti molto, almeno in termini emotivo-sentimentali, a sbrogliare alcuni nodi apparentemente insolubili.
Sì, ma quale patria? Quella voluta e fondata dall’eroico Garibaldi, di cui celebriamo proprio quest’anno il bicentenario della nascita (spendendo una marea di soldi pubblici)?
O quella del fine intrallazzatore Cavour?
O magari del repubblicano Mazzini, che aveva capito in anticipo, lui sì, che i Savoia ci avrebbero rovinato?
Questo qua, mi spiace dirglielo, è uno di quei nodi che non si sciolgono invocando il concetto di patria sic et simpliciter.

La mala-unità fatta dai nostri “padri” non è (più) giustificabile dicendo “beh, intanto è stata fatta, non stiamo a sottilizzare”.
Anche perché, ad una persona mediamente sensibile e casualmente ben informata, appare lampante che i maggiori problemi che sperimentiamo oggi (il parassitismo statale, la debolezza imprenditoriale, la divisione nord-sud, le mafie, la pressoché irrilevanza internazionale) hanno un seme comune, che si chiama Risorgimento.
Risorgimento che nessuno si è mai azzardato a “revisionare”: piuttosto la resistenza...
Caro Direttore, con tutta la stima che ogni volta Le esprimo, oso chiederLe: quale patria italiana?
E sono certo che non mi prenderà per secessionista (non lo sono) quando ricordo, con il mio amato Franceschiello, che “le offese subite non dureranno in eterno”.
Che ne dice, è ora che noi italioti diventiamo adulti e riscriviamo i libri di storia dell’Ottocento? Almeno per i nostri figli e nipoti...

Con stima,

Mario Bellotti
Comitato Neoborbonico della Lombardia

RISPOSTA

Il mio “centralismo”, anzitutto, nasce dall’esperienza vissuta delle Regioni, una falla morale e materiale astronomica (e la Lombardia non è meno un covo di favoritismi della Campania).

Maurizio Blondet

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 74 visitatori online
Utenti
20310 registrati
2 oggi
9 questa settimana
1692 questo mese
Totale Visite
11488512 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer