spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Sulle tracce di Pisacane

Sulle tracce di Pisacane PDF Stampa E-mail

Il Corriere del Mezzogiorno (Corriere della Sera) di oggi, 30.05.07, dedica, nella pagina della cultura, un articolo a Carlo Pisacane: “Altro che Mazzini e Marx, il fondatore della sinistra italiana fu il romantico Carlo Pisacane.

 

In esso si ripercorre brevemente la vicenda pubblica e la vita privata di Carlo Pisacane, rifacendosi al lavoro dello storico delle idee politiche Luciano Russi, professore ordinario all’università La Sapienza.Tralascio tante cose che potrebbero dare spunto a infinite discussioni soffermandomi su una sola di esse. In fuga, definita per amore, in varie capitali europee, nell’articolo si afferma che il romantico eroe napoletano, in esse conobbe la condizione delle classi popolari e, così, maturò la sua “visione di democrazia dai contenuti sociali

 

Ecco, mi chiedo: se si trovava a Londra e a Parigi, come poteva conoscere la situazione del Regno delle Due Sicilie? Come poteva sapere se la condizione dell’operaio napolitano era migliore o peggiore di quella dell’operaio inglese o francese?

Lo chiedeva agli altri esuli delle Due Sicilie!

Sì, va be’… ma questo è come chiedere all’acquaiuolo se è fresca l’acqua che ti vuole vendere!!

E, infatti, la condizione dell’operaio delle Due Sicilie (…e dei contadini e, in definitiva, proprio di quelle classi popolari che sembravano stargli a cuore) era migliore di quella dei suoi pari d’oltralpe: l’orario di lavoro era più breve di qualche ora; non vi era sfruttamento del lavoro minorile; in alcuni opifici vi era una sorta di assistenza sanitaria e di gestione dai contenuti sociali; i dipendenti statali avevano diritto alla pensione ecc.

Insomma: si stava meglio qui, nel regno di Ferdinando II.

 

Pisacane morì, si sa, e forse per lui fu un bene: se amava veramente questa Terra e il suo Popolo (sia pure partendo da presupposti sbagliati e giungendo, quindi, a conclusioni errate), se fosse sopravvissuto agli eventi cosiddetti unitari (diventando magari anch’egli senatore del Regno d’Italia) sarebbe andato ad ingrossare anche lui la schiera dei vari Fortunato, Bruno, Polsinelli, Ricciardi, Valenti, Pisanelli … ecc  che, battutisi strenuamente per l’unificazione, si pentirono poi amaramente di averlo fatto.

 

Sì, perché se anche avesse avuto sensi e cervello obnubilati ed ottunditi, avrebbero pensato gli stessi protagonisti dell’Altra Parte a ricordargli che qui, nell’ex regno dei Borbone, il processo unitario aveva prodotto un male immenso (Vittorio Emanuele II) e che l’unità aveva, da noi, “cagionato solo squallore e suscitato solo odio” (Garibaldi).

 

Morì prima di vedere gli effetti di ciò per cui si era battuto

 

… Mi piace pensare che Qualcuno, con lui, volle essere misericordioso.

 

Futuro

 

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 57 visitatori online
Utenti
20019 registrati
1 oggi
11 questa settimana
1672 questo mese
Totale Visite
11053224 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer