spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Ci chiamarono briganti

Ci chiamarono briganti PDF Stampa E-mail

La profezia :

Il sangue è scorso nuovamente su questa terra amara

 

La morte si fa desiderare, l’offesa diventa storia

 

I ferri escono dai padri davanti agli occhi dei bambini.

 

Piangono senza dire nulla i piccoli, nudi.

 

L’Italia crescerà con il latte della rabbia e del rancore.

 

Saranno cittadini senza nessun onore,

 

saranno terre lontane e lacrime e bastimenti,

 

il mezzo per dimenticare i torti e i tradimenti,

 

per non assaggiare i comandi dei soldati nelle nostre case,

 

gli insulti, i tormenti e lo scorno che penetrano nelle ossa.

 

E sarà l’arte di campare e di non credere più a nessuno,

 

sarà l’arte di imbrogliare per non dormir digiuni,

 

saranno guappi e streghe, ladri, santi e ruffiani,

 

saranno duchi e straccioni, preti e ciarlatani.

 

Profumi nei palazzi, puttane e manutengoli,

 

bassi umidi e scuri, bocche con alito di cipolla,

 

una pizza col nome di regina: di chi fu nemica ieri.

 

I nipoti di chi fu brigante saranno carabinieri.

 

Sarà una ferita aperta sotto l’acqua e il sole,

 

un corpo che si spegne senza emanare odori,

 

grida senza voci che attraversano campagne e città,

 

la discordia senza nome tutte le notti verrà a trovarti.

 

Gente senza pace troverà le giuste parole

 

per meglio nascondere ciò che non vuole dire.

 

Sempre mal di testa per ciò che tocca al cuore,

 

sarà per dimenticare l’innocenza, sarà per rincorrere l’amore,

 

sarà recitare commedie per la strada e nei letti, sarà per far soffrire

 

l’altro solo per fargli dispetto…

 

il freddo scava la coscienza mentre d’estate è uno sfizio,

 

ma per gli uomini della terra mia non ci sarà giustizia,

 

ma io canto, canto, canto, canto per tutti quanti,

 

canto per dar coraggio,  canto per dar speranza,

 

canto per la dignità… che abbiamo avuta e tanta!

 

Canto un canto di uomini che son stati briganti.

 

Da “Li chiamarono briganti” recitata da Lina Sastri.

 

 (Traduzione dall’italico all’italiano di G. De Gennaro)

 

Fiore marro

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 123 visitatori online
Utenti
20018 registrati
3 oggi
10 questa settimana
1671 questo mese
Totale Visite
11050015 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer