spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Vergogna. Si Vergogna!

Vergogna. Si Vergogna! PDF Stampa E-mail
Credo che fra le tante cose dette su Napoli e i suoi rifiuti in questi giorni non si sia sottolineato abbastanza un concetto molto semplice ovvero la proprietà dei rifiuti quindi l' obbligo e l' onere dello smaltimento; troppo frettolosamente si lascia intendere che il problema rifiuti di Napoli sia un problema di Napoli.. come sempre; partiamo dai fatti la diossina dovuta alla combustione dei rifiuti, è dovuta principalmente agli involucri di plastica, anche accattivanti in cui compriamo la nostra merce; tali involucri definiti packaging e tanto importanti per attrarre il cliente quando si trova al supermercato nell' imbarazzo della scelta, sono pagati dal cliente due volte: la prima quando l' acquista al supermercato con il contenuto, e la seconda (con la tassa sulla spazzatura) quando deve smaltirlo. Credo che se le merci acquistate al sud, 99% di provenienza del nord (con i relativi packaging), fossero almeno prodotte con packaging totalmente riciclabile (anche rivendibile) es. vetro, carta, alluminio e non plastica gli effetti del disastro ambientale sarebbero minori .... che fare quindi ? sicuramente convincere gli operatori locali meridionali (responsabili acquisti supermercati, commercianti) a nonn vendere merci con imballaggi non riciclabili... come ? boicottando l' acquisto di tali prodotti e ridefinendo i parametri per la ripartizione della tassa sulla spazzatura ovvero far pagare agli operatori commerciali, ed ai produttori delle merci il costo dello smaltimento del packaging e niente o quasi al consumatore finale. In sostanza si tratta di far passare il principio che quando compro uno shampoo in bottiglia di plastica devo pagare solo per lo shampoo, e la bottiglia di plastica la devo rispedire a chi ha fabbricato lo shampoo, o avere il rimborso del costo di smaltimento della bottiglia ripartito fra il commerciante che ha scelto di venderla e il produttore che ha scelto di usarla... insomma la responsabilità (e la monnezza) va rispedita a monte (a nord) perchè non è Napoli a "produrre" rifiuti, ma chi ha fabbricato la merce; chi compra una merce voleva comparare solo il contenuto non il contenitore... credo che su questo principio ci si possa attaccare anche giuridicamente nelle sedi opportune.
 Rispediamo i contenitori ai commercianti ed ai produttori che ce li hanno venduti così cominceranno a capire...
Francesco Varchetta

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 35 visitatori online
Utenti
20473 registrati
1 oggi
6 questa settimana
1870 questo mese
Totale Visite
11819245 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer