spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Vento che cambia: Roberto Gervaso.

Vento che cambia: Roberto Gervaso. PDF Stampa E-mail

Ieri mattina, poco prima che uscissi di casa, ho colto gli ultimi minuti della  trasmissione Peste e corna tenuta da Roberto Gervaso su Retequattro. Stavo terminando la colazione (erano le 6.25 ca.) ascoltando distrattamente quando veniva detto in TV: ad un certo punto le parole pronunciate da Gervaso hanno improvvisamente risvegliato e richiamato la mia attenzione.

 

… In Italia – stava dicendo –  non c’è lo stato perché lo stato, nell’800, è nato male: è stato fatto da 20.000 uomini del Nord che hanno imposto il loro volere agli altri. E poi ancora, rincarando la dose: “Tutta retorica quella rovesciata sul risorgimento.

 

Meno male.

Meno male che a riconoscerlo sia anche lui!

 

Non so dove abbia preso il numero relativo alle zucche del Nord  (20.000 egli dice) che anteposero i loro interessi (pardon: imposero il loro volere) a quello di 9.000.000 di Duosiciliani (… per tacere degli altri italici); non so esattamente cosa pensi a proposito del risorgimento (anche se ciò che ha detto lascia presagire bene!); mi ha distratto pure dalla colazione (e a quell’ora poi!?!)…e passi pure questo… ma un po’ ce l’ho con lui.

Sì, perché, ha aggiunto concludendo il suo dire, questo è uno stato molto guicciardiniano, molto dedito al particulare.

Ecco: qui secondo me doveva dire qualcosa di più. La malapianta dell’interesse particulare qui, da noi al sud (parlo di quello Napolitano, Borbonico), non allignava o, se c’era (tutto il mondo è paese), attecchiva poco altrimenti non avremmo potuto essere ai vertici europei e mondiali (…viene quasi il capogiro al solo dirlo, tanto più oggi che, in strada, siamo circondati da cumuli di immondizia). Gervaso ha toppato perché l’Italia unita è nata proprio da una non casuale commistione di interessi particulari:  quello di casa savoia per le … cipolle della varietà italica; quello dei Baroni terrieri del Sud intenzionati, semmai, ad acquisire nuovi terreni anziché cederli, come voleva la riforma di Ferdinando I; quello della patria dei baccalamai che era molto interessata allo zolfo siciliano e quello della nascente industria del Nord intenzionata a crearsi un mercato là dove c’era, fino a quel momento, un apparato industriale che rappresentava un concorrente potente e ben funzionante!

 

Tutto è tornato utile a quello scopo (la distruzione del Sud borbonico, funzionante e potente perché ben amministrato): dai molto poco eroici avventurieri del Nuovo mondo ai molti che, “partiti miserabili, ritornarono colla camicia rossa e le tasche piene di biglietti da mille  (sono parole di Astengo, viceconsole torinese a Napoli). Non ultimi, tornarono utili anche gli intellettualoidi locali (altresì detti liberali) che, nel nome di un interesse tanto alto quanto astratto, operarono minando lo stato dall’interno e finendo per fornire un credibile alibi ai vari Lanza, Landi, Brigante, Ghio ecc ecc che, invece di difendere la Patria con le armi e le guarnigioni di cui disponevano, la vendettero credendo, forse, di fare anche del bene alla collettività napolitana (oltre a quello che di sicuro sapevano di fare a se stessi intascando denaro contante e fedi di credito sulla cui autenticità, non conoscendo ancora bene i tosco – piemontesi, non potevano nutrire dubbi ...)

Insomma: riandando con il pensiero a queste cose mi sono incavolato un po’, è vero,  ma tenuto conto della novità e della nuova testimonianza del  vento che cambia ... beh, tutto sommato, posso dire che la mia giornata di ieri è cominciata bene.

 

Meglio poteva andare, però…

 

Futuro

 

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 89 visitatori online
Utenti
20019 registrati
1 oggi
11 questa settimana
1672 questo mese
Totale Visite
11053288 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer