spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow SPARANISE, Violentato e derubato il Casino Reale di Calvi-CE-

SPARANISE, Violentato e derubato il Casino Reale di Calvi-CE- PDF Stampa E-mail

di Paolo Mesolella: Strani lavori al Casino Reale nel Demanio di Calvi. Sconparsi stemma e acquasantiere dalla cappella Reale. Salvo per miracolo il pavimento in cotto dipinto.

 

- Se la Reggia borbonica di Carditello è in balia dei ladri, il Real Casino borbonico nel Demanio di Calvi, nel comune di Sparanise, è stato preso di mira da un contadino che ha iniziato a farci degli strani lavori in quelli che erano i locali destinati ai soldati e alle stalle dei cavalli. Prima ha chiuso i due ingressi laterali con cancelli di ferro e lucchetto e poi ha iniziato dei lavori che, soprattutto nei locali destinati a caserma, già sono ad uno stato avanzato: e il tetto con i camini di impianto borbonico, già sta scomparendo sotto un grossolano “restauro”. A meno che il contadino in questione non sia realmente diventato proprietario del monumento, pare abbastanza strano che si possano avviare lavori, senza il via libera della Soprintendenza ai monumenti. Probabilmente avrà pensato di risolvere a modo suo (impossessandosene e ristrutturandolo da solo) il problema del casino borbonico che ormai sta cadendo a pezzi, assediato dagli sterpi e dai materiali di risulta. Di questi giorni anche il furto dello stemma reale sull’entrata, di due acquasantiere di marmo ed il temtato furto del pavimento. Un patrimonio inestimabile, un tempo riserva di caccia di Ferdinando di Borbone, oggi completamente abbandonato a se stesso al punto che tra qualche anno di esso non resterà pietra su pietra. Sono rimasti i ruderi abbandonati: le galitte, le scuderie, gli alloggiamenti dei soldati, la Cappella Reale sfondata. Una parte del Casino è stata demolita per far passare la strada, un’altra parte è diventata una grande discarica. Eppure cinquant’anni fa Il Casino Reale del Demanio di Calvi era completamente integro. Poi nel 1943, i tedeschi, durante la ritirata lo hanno bombardato. Dopo il bombardamento rimasero, a sinistra l’alloggiamento dei soldati trasformato col tempo in caserma dei carabinieri (ci sono ancora dentro i resti di un archivio), a destra la scuderia utilizzata per i cavalli, al centro la Cappella Reale e due altri locali utilizzati come scuola elementare fino ad una ventina d’anni fa.

Oggi la Cappella Reale, nonostante sia rimasto qualche stucco, presenta delle crepe che tra qualche anno la spezzeranno in due. Eppure il casino di caccia borbonico del Demanio di Calvi è sicuramente il monumento storico più importante che c’è nel Comune di Sparanise. Dalle Piante della Tenuta e del Casino reale di Calvi prodotte dall’arch. Angelo Notarangelo nel dicembre 1910, si può ben capire la vastità del complesso: 3.869.000 mq di superficie, la Torre d’Occidente 608 mq, il Casino Reale 1248 mq (con 12 stanze e due saloni al primo piano, 14 stanze, la cappella, il fienile e due stanze al pianterreno). Poi un casone di 2174 mq ed una casina di 176 mq, per un totale di 4485 mq di superficie abitativa. Davanti al casino, invece, c’erano uno spiazzo ellittico per le corse dei cavalli, un bosco e 13 parchi. Poi il fronte principale del casino ospitava il circo dove avvenivano le corse dei cavalli. Dal Demanio di Calvi, Ferdinando IV di Borbone Re delle Due Sicilie, di Gerusalemme, infante di Spagna, Duca di Parma e Gran Principe ereditario di Toscana, scriveva spesso alla sua seconda moglie Lucia Migliaccio, duchessa di Floridia. Il re Ferdinando era legato a Lucia Migliaccio dal 1811. Che non si trattasse di una semplice avventura fu provato dal matrimonio morganatico tra i due (in cui la Migliaccio diveniva moglie ma non regina), celebrato a soli due mesi dalla morte di Maria Carolina.

 

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 35 visitatori online
Utenti
20017 registrati
2 oggi
9 questa settimana
1670 questo mese
Totale Visite
11048733 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer