spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Storia arrow Storia del Regno arrow Castellabate SA, Guardia di Finanza borbonica

Castellabate SA, Guardia di Finanza borbonica PDF Stampa E-mail
Castellabate, due secoli di Guardia di Finanza
 Grazie alla sua peculiare pozione geografica, ha garantito per secoli i traffici marittimi con il Mediterraneo, ma anche la difesa militare del golfo di Salerno. Il ruolo di Castellabate, quale crocevia di culture, traffici e operazioni militari, nonché il suo speciale rapporto con i finanzieri sono illustrati nel volume “La Guardia di Finanza a Castellabate in due secoli di storia italiana (1808-2005)”. L’opera, pubblicata dal Museo storico della Guardia di Finanza di Roma, è stata realizzata dal tenente Gerardo Severino e dal docente Vincenzo Caputo, sarà presentata sabato 12 maggio alle ore 17 nel salone d’onore di Villa Matarazzo in Santa Maria di Castellabate. Interverranno il sindaco Costabile Maurano, il generale C.A. Luciano Luciani, presidente del Museo storico della Guardia di Finanza, gli autori.   

«Castellabate ospitò, da data immemorabile, speciali milizie doganali: i cosiddetti “Soldati delle sbarre”, in seguito Guardie doganali e Guardie dei dazi indiretti del Regno delle due Sicilie, grazie ai quali il contrasto al fenomeno del contrabbando, ma anche la sicurezza della navigazione e l’integrità  dello Stato, furono egregiamente assicurati – spiega il generale Lucani nella presentazione al volume – Il profilo delle vicende legate a queste antiche milizie, poi sostituite dalle Guardie doganali del Regno d’Italia, quindi dalla Regia Guardia di Finanza, è  fedelmente ricostruito nelle pagine di Gerardo Severino e Vincenzo Caputo».
Il libro, che nasce dal desiderio di fissare nella “memoria collettiva” la presenza delle Fiamme Gialle a Castellabate, è stato realizzato grazie al Museo storico del corpo, cui è demandata anche la gestione dell’Archivio storico della GdF, da cui sono tratti i documenti inediti contenuti nel libro. «Lo spunto per la ricerca storica da cui ha avuto origine il libro mi è stata offerta dal sindaco Maurano – racconta il tenente Severino - Nel dicembre 2004, nel tentativo di scongiurare la soppressione della brigata di Finanza a Santa Maria, mi invitò a redigere una cronistoria sulla presenza dei finanzieri nel nostro Comune. Emerse una storia interessante, fatta di uomini e di vicende, legata ad un territorio che è stato crocevia di culture millenarie».


Il volume abbraccia due secoli di storia italiana, dalla fine del Settecento al regno di Napoli, fino ai giorni nostri. Al corpo dei doganieri, istituito dal re Carlo III di Borbone, fece seguito il “Corpo delle guardie dei dazi indiretti”, voluto da Gioacchino Murat nel 1808. A tale istituzione sono legati importanti eventi storici che videro impegnati i finanzieri in alcune battaglie combattute proprio lungo la costa di Castellabate.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 29 visitatori online
Utenti
20145 registrati
0 oggi
11 questa settimana
1408 questo mese
Totale Visite
11273619 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer