spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow La Colonna Infame arrow Francesco Landi

Francesco Landi PDF Stampa E-mail

 

Francesco Landi

Napoli 13/10/1792 - Napoli 2/2/1861

Brigadiere Generale

Alle sette del 6 maggio 1860 partiva da Palermo verso Alcamo e Partinico una colonna mobile composta da un battaglione di reggimento a piedi, uno squadrone di cacciatori a cavallo e mezza batteria da montagna al comando del generale Francesco Landi, una sventura per l'esercito borbonico.

Landi, era figlio del capitano di fanteria Antonio.

Allievo dell'accademia militare nel 1806 si affiliò alla carboneria che portò l'esercito al dissolvimento del 1821.

Riammesso solo nel 1832, fu tenuto in ruolo secondario fino al 1840, nel 1849 fu promosso a maggiore al 1 di linea, tenente colonnello nel 1855, anche se prossimo alla pensione, la magnanimità dei Borbone lo lasciarono in servizio, per mantenere la numerosa famiglia.

Ebbe la promozione a generale di brigata nel 1860.

Allo sbarco del nizzardo, fu inviato proprio nei luoghi dove questo avvenne,costretto dagli acciacchi ad utilizzare una carrozza,dava l'idea dell'antitesi di un militare, e non era solo un idea, terrorizzato dal pensiero di affrontare il nemico, arrivò allo scontro con forze superiori e ne impiegò a malapena un terzo.

Il maggiore Sforza comandante l'8 cacciatori che gli era stato inviato di rinforzo affrontò Garibaldi con solo quattro compagnie, circa 600 uomini, eppure dopo un duro combattimento erano vincitori ed attesero invano l'intervento risolutivo del Landi, che aveva con se altri 1600 uomini, ma il generale era talmente impaurito che ordinò, invece,la ritirata,nonostante i soldati volessero riprendere il combattimento in forze, volle rientrare a Palermo subendo anche le rappresaglie dei paesi attraversati.

Fu internato ad Ischia posto alla seconda classe.

Morì con l'accusa infamante di traditore.

 

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 49 visitatori online e 1 utente online
  • lanny
Utenti
20382 registrati
0 oggi
1 questa settimana
1711 questo mese
Totale Visite
11619139 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer