spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Neoborbonici: sulla questione allevatori bufalini e brucellosi

Neoborbonici: sulla questione allevatori bufalini e brucellosi PDF Stampa E-mail

Dopo tre giorni di assedio finalmente è tornata la calma in Terra di Lavoro. Una singolare protesta messa in atto dagli allevatori bufalini, che pur paralizzando la nostra città, creando notevoli disagi alla popolazione, almeno è servita a sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema della brucellosi.

Con tale manifestazione gli allevatori si sono voluti opporre all’ordinanza del Ministero della Salute del 14 novembre 2006, che impone l’abbattimento dei capi risultati positivi all’esame sierologico per la brucellosi. Abbattere però tutti gli animali positivi ( si parla di circa 100 mila capi) significherebbe perdere il patrimonio genetico fin ad oggi acquisito, di conseguenza si metterebbe notevolmente in crisi il settore caseario. Pertanto il nostro movimento auspica che quanto prima e con adeguata soluzione, venga chiusa la vertenza.  In particolare ci si augura che il nuovo piano sanitario di  eradicazione della brucellosi redatto dalla Regione Campania, attualmente al vaglio della Comunità europea, venga approvato. Esso prevede un abbattimento graduale e programmato dei capi positivi, che potrà così evitare il depauperamento del patrimonio genetico e di quello zootecnico. Ovviamente in tal modo si potrà garantire il ciclo lavorativo della mozzarella, che rappresenta il principale prodotto tipico della nostra provincia che continua a registrare un continuo incremento nelle vendite. La produzione di questo formaggio fresco a pasta filata, che ha ottenuto con DPR il riconoscimento del marchio con la denominazione di “mozzarella di bufala campana”e che già nel periodo borbonico garantiva lavoro a numerose maestranze, oggi rappresenta un indotto che dà impiego a migliaia di  lavoratori. Inoltre, poiché la maggiore produzione di mozzarella si ha proprio nella nostra provincia,  essa rappresenta per noi motivo di vanto, in quanto è ormai, al pari della pizza, conosciuta in quasi tutto il mondo.

Movimento Neoborbonico “Terra di Lavoro”      

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 47 visitatori online
Utenti
28178 registrati
15 oggi
67 questa settimana
2509 questo mese
Totale Visite
14818370 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer