spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow Fanteria di Linea: I Battaglioni Cacciatori arrow 5° Battaglione Cacciatori

5° Battaglione Cacciatori PDF Stampa E-mail

Gennaio 1860 . Il battaglione è di guarnigione a Messina, è comandato dal maggiore Giuseppe Ruiz de Ballestreros.

Maggio 1860 . Il 31 contribuisce in maniera decisiva a scacciare gli invasori da Catania, lo scontro dura una intera giornata . Il tenente colonnello Ruiz  viene premiato con la croce di diritto di S. Giorgio e la promozione a colonnello comandante del 15° di linea. Anche il capitano Salem ottiene la croce di ufficiale di S. Giorgio. Sono decorati con la croce al valore con una pensione i capitani Siniscalchi e Martinez, vengono premiati con la croce e passati allo stato maggiore dell’esercito il maggiore Musitani, i capitani Troja e Moles e i subalterni Basile e Morrone. Si distinguono anche i tenenti  Cersosimo , Verneau, Feliciani e Marzano. Muore in combattimento il tenente Francesco Melilla .

Giugno 1860 . L’abbandono di Catania dopo tanto sangue versato provoca il tradimento di molti militari. Il comando viene assegnato al maggiore Diodato Marselli.

Agosto 1860 . Il battaglione è inviato in Calabria a far parte della colonna comandata da Ruiz, Il battaglione si sbanderà con tutti gli altri corpi nella catastrofe di Soveria Mannelli.

Settembre 1860. Quel che resta del corpo si ricostituisce a Capua al comando del maggiore Musitani.

Ottobre 1860 . Una frazione del battaglione combatte il 1 ottobre. Rimane ferito il tenente Giannelli che morirà in ospedale a Capua. Il 26 ciò che rimane del corpo si batte con eroismo a Cascano contro l’avanguardia piemontese, nonostante la defezione del maggiore Musitani gli uomini del battaglione si distinsero per valore e coraggio. Musitani fu messo agli arresti di rigore a Gaeta.

ALFIERE

Benedetto Cappuccio

Capua 21.3.1827  Napoli 10.3.1902

Aiutante del 5° cacciatori fu promosso alfiere il 1 maggio 1860. Sconfinato nello Stato Pontificio, nel novembre, entrò a far parte delle bande legittimiste fino al 1862 quando fu arrestato dai francesi dopo uno scontro a fuoco alla frontiera pontificia. Faceva parte degli ufficiali del maresciallo spagnolo Tristany. Non fu il solo ufficiale borbonico che intraprese la strada della resistenza duosiciliana che la storia dei vincitori improntò come brigantaggio. Rientrato a Napoli per l’amnistia del 1870 si ritirò a vita privata.

 

 

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 108 visitatori online
Utenti
20314 registrati
0 oggi
4 questa settimana
1696 questo mese
Totale Visite
11491989 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer