spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow DUE SICILIE E SALDO MIGRATORIO INTERNO

DUE SICILIE E SALDO MIGRATORIO INTERNO PDF Stampa E-mail

Le dinamiche dell’emigrazione interna in Italia: Centro Nord contro Sud

 

Recentemente è stata pubblicata una statistica dell’Istat che analizza, fra gli altri, il saldo migratorio interno ovvero la differenza degli iscritti per trasferimento di residenza da altro Comune e quelli cancellati per trasferimento in un altro Comune, su mille abitanti.

Tra le 107 province italiane considerate si evince che la distanza tra la migliore (Pavia con +10,7) e la peggiore (NAPOLI con -7,9) è abissale.

Comunque è tutto il Centro Nord ad evidenziarsi come polo catalizzatore: tra le prime province per saldi migratori ci sono infatti quelle lombarde, le emiliano-romagnole e le toscane.

A livello regionale le aree con segno negativo sono tutte quelle del Sud: Campania, Calabria, Basilicata, Puglia, Sicilia, Molise.

A livello provinciale troviamo Napoli con -7,9 abitanti su 1000, Agrigento -3,2, Caltanissetta -5,5, Catanzaro -3,6, Crotone -7,6, Foggia -6,6, Matera -3,4,  Palermo -3,1, Potenza -3,6, Reggio Calabria -4,7, Vibo Valentia -5,7 e tante altre con valori inferiori.

La ragione di questi flussi migratori interni risiede tutta nelle difficoltà economiche delle nostre terre: proprio la nostra antica Capitale è la peggiore delle 107 province italiane; sappiamo tutti che  prima del 1860 in pratica non esisteva emigrazione, né interna né all’estero, oppure se c’era esprimeva flussi diametralmente opposti ovvero erano le Due Sicilie che accoglievano gli emigranti dal resto d’Italia (e quindi si parla di immigrazione).

Dopo essere stato il terzo Paese al mondo per sviluppo industriale ed aver perso tutta la fase dell’espansione economica occidentale stiamo perdendo anche il bene che è ancora oggi più prezioso: il Capitale Umano.

Per non perdere più tempo e risorse umane bisogna quindi tornare ad avere una economia autonoma, svincolata dal resto d’Italia in accordo con le leggi esistenti: ci sono 10 Comuni che chiedono di passare da una Regione all’altra, per esempio dal Veneto al Trentino o al Friuli o dal Piemonte alla Val d'Aosta (tutte Regioni a Statuto autonomo), o dalle Marche all’Emilia-Romagna.

Quasi sempre i motivi di questa “secessione” sono di origine socioeconomica per usufruire di migliori condizioni fiscali concesse dallo Stato italiano.

Anche le Due Sicilie si possono fondere in un’unica Macroregione a Statuto autonomo.

E’ previsto dalla Costituzione.

Potrebbe essere questo il primo passo nella direzione di una maggiore autonomia.

L’unica che può dare un futuro alle nostre terre.

 

Luca Longo

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 24 visitatori online
Utenti
28119 registrati
8 oggi
8 questa settimana
2450 questo mese
Totale Visite
14812609 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer