spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Tutto è abbandonato o invaso dall'impero del nord savoiardo

Tutto è abbandonato o invaso dall'impero del nord savoiardo PDF Stampa E-mail

Carissimi compatrioti,

vi scrivo per mettervi al corrente di alcune cose e fare delle considerazioni:

 

Come si è capito in questo sistema politico marcio e non funzionale per la vita di ogni individuo soprattutto al sud, il principino Emanuele Filiberto sta scendendo in campo, perché ha capito che è il momento giusto per farsi spazio.

Ha detto che la politica è vecchia,che vorrebbe rappresentare uno stile politico diverso,che al potere ci sono elementi sovversivi e non siamo in un paese democratico. Non si schiererebbe in nessun partito né di destra né di sinistra perché ci sono troppi legami e troppe promesse reciproche da mantenere.

Insomma vuole partire da zero e pian piano vorrebbe prendere il potere e chissà nella sua mente restaurare la monarchia sabauda.

 

Ho paura che i savoia possano ottenere consensi proprio dal popolo meridionale distrutto da loro,perché non tutto il popolo ha conoscenza storica, ma sicuramente (spero) una voglia di rivalsa, e quindi si affidi alla prima alternativa a questo stato e questa alternativa non deve essere assolutamente la casata dei savoia.

 

Come già ho detto altre volte ripenso subito ai Borbone, perché il nemico già ci ha distrutto e derubato una volta e adesso forse lo vuole fare ancora,facendoci credere che tutto fa schifo e che loro sono di nuovo i salvatori della patria.

Adesso non entrando di nuovo in merito di quello che desidererei che facessero i Borbone per la loro terra derubata, contrastando i savoia e questo stato e diventare di nuovo indipendenti e una grande potenza, vi volevo dire che continuiamo ad essere abbandonati dalle istituzioni e denigrati dai media volutamente.

Come dice giustamente Fiore i barbari sabaudi invadono con la loro banca la Piazza della Seta, io vi dico anche che i savoia si fecero avanti per acquistare il real sito di carditello che stava andando all’asta e che la banca sabauda sta mettendo le mani anche sul teatro San Carlo.

 

Infatti la Iervolino :

 

accompagnata da Fulvio Tessitore, vicepresidente dell’Ente, ha incontrato a Milano il presidente di Banca Intesa-Sanpaolo, Giovanni Bazoli, e l’amministratore delegato del gruppo bancario Corrado Passera. Il Massimo napoletano ha dunque trovato un nuovo partner pronto a diventare socio della Fondazione e a entrare direttamente nella gestione del teatro con un posto in consiglio d’amministrazione. Il Massimo napoletano avrà fra i suoi soci Banca Intesa-San Paolo. hanno incassato il sì di Banca Intesa per aiutare il teatro, ma hanno ottenuto che il colosso bancario diventi partner e si è andato oltre, perché il gruppo che fa capo a Bazoli e Passera ha risposto positivamente alla sollecitazione della Iervolino che ha chiesto di entrare direttamente nella gestione del teatro.

E gli investitori napoletani? Si prosegue con la raccolta fondi dell’Unione industriali. Il presidente Gianni Lettieri si sta impegnando molto stando a quanto trapela da Palazzo Partanna. Milano salva Napoli? «Napoli e i napoletani troppo spesso si fanno del male da soli. Quando andiamo fuori siamo invece accolti degnamente. Grande è l’attenzione nei nostri confronti, e grande è anche la fiducia. Noi non chiediamo l’elemosina a nessuno, non andiamo con il cappello in mano. Tutto sarebbe più facile se vi fosse un impegno economico anche da parte di imprenditori locali aveva dichiarato Fulvio Tessitore, vicepresidente del consiglio d’amministrazione del Massimo napoletano” .

Ho preso spunto da articoli del quotidiano mattino.

Adesso secondo voi è giusto che il San Carlo che è oggi il più antico teatro operante in Europa: costruito nel 1737, che precede di 41 anni la Scala di Milano e di 51 la Fenice di Venezia voluto da Carlo di Borbone e costruito nel 1737 in pochi mesi (inizio 4 marzo 1737 fine 4 novembre 1737),debba dipendere da banche e personaggi del nord? Ah dimenticavo questa cosa dura da 147 anni,ma di che ci stupiamo?

Tutto ciò che di bello abbiamo qui da noi o risulta abbandonato o viene comprato da gente del nord

Leggevo ancora che la piazza del “falso plebiscito” campeggia nel degrado assoluto.

Due delle statue presenti nelle nicchie vanvitelliane sono state vandalizzate.

Alla statua di Carlo V è stato spezzato il dito che era rivolto verso il basso,alla statua di Afonso d’aragona è stata privata la spada con un taglio netto dell’impugnatura

Poi al centro della piazza, ai piedi di Carlo III di Borbone, due dei pilastri che recintano la statua equestre, opera di Calì e Canova, giacciono sul pavimento. I confini di un degrado a cui ormai sembrano tutti rassegnati e attorno due bambini giocano con i pezzi di marmo.

Non lo so signori cosa si deve fare ma andare avanti così è impossibile.

 

Saluti

Alessandro

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 48 visitatori online
Utenti
28178 registrati
15 oggi
67 questa settimana
2509 questo mese
Totale Visite
14818403 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer