spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Garibaldi Giuseppe-lettera a Piero Angela

Garibaldi Giuseppe-lettera a Piero Angela PDF Stampa E-mail
Egregio Piero Angela, Le chiedo da subito di occuparsi della divulgazione scientifica, nella quale la trovo molto interessante.
Sulla questione dei "mille", per me, Lei da bravo piemontese si trova come "lupus in fabula" in una questione molto più grande di Lei.
Non sto qui a raccontarLe le note d'archivio ormai disattese dalla storiografia ufficiale nella quale Si troverà a crogiolarsi nella sua trasmissione.
Dico solo che Garibaldi ha spianato la strada alle truppe savoiarde-piemontesi per depredare il Regno delle Due Sicile, con rappresaglie e un genocidio di circa un milione di di morti ammazzati, tutta gente del Sud e il genocidio non è ascrivibile a tutt'oggi; per cui Garibaldi è un criminale di guerra e se ci fosse un processo di "Norimberga" sarebbe condannato a morte.
Come cittadino del Sud di quest'Italia La esorto a prendere le dovute distanze dall' eroicizzare il criminale di guerra Garibaldi Giuseppe onde evitare un maggior degrado dell' Unità d'Italia.
Nella mia famiglia due antenati non hanno ricevuto degna sepolutura quando furono fucilati dalla soldataglia piemontese: CIUFFREDA DOMENICO e CIUFFREDA PASQUALE, fucilati a Manfredonia il 28 Aprile del 1862, di loro non esistono lapidi, li ricordiamo come combattenti per la difesa della nostra antica bandiera e della nostra antica nazione Nazione Napolitana.
Una cosa deve essere chiara: noi del Sud siamo un Popolo con identità completamente diverse dal Vostro Nord di quest'Italia e se dovete parlare di risorgimento  che abbiate rispetto di tutti coloro che si sono immolati per difesa del Regno delle Due Sicile, "Briganti" compresi, che per noi del Sud altro non sono che Guerriglieri di Dio.
Le invio una cartolina che ormai circola in questa parte d'italia e che Lei sicuramente ignora; Le invio anche la Sacra Bandiera delle Due Sicilie, considerata storica ed esponibile, custodita gelosamente in casa mia. Prima di salutarLa voglia partecicipare all'invito di Civitella del Tronto, durante in convegno avrà modo di conoscere relatori e ricercatori storici molto preparati.
Grazie per la cortese attenzione
Giuseppe Erminio Ciuffreda
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 61 visitatori online
Utenti
28178 registrati
15 oggi
67 questa settimana
2509 questo mese
Totale Visite
14818138 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer