spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Storia arrow Storia del Regno arrow Vicereame spagnolo e vicereame austriaco

Vicereame spagnolo e vicereame austriaco PDF Stampa E-mail
XVI sec.

Il nuovo Re di Francia, Luigi XII, stipula un accordo con quello di Spagna Ferdinando il Cattolico che è letale per Napoli, col beneplacito di Roma. Così entrambi attaccano il regno per spartirselo. L'ultimo aragonese parte dalla capitale quando i Francesi, rompendo il patto con gli Spagnoli, irrompono tra il tripudio popolare (periodo della disfida di Barletta). Ma alla fine prevalgono gli Spagnoli ed inizia il Vicereame sotto Don Consalvo de Cordoba.

La pace di Cambrai riconosce l'imperatore Carlo V come sovrano di Napoli col 1° vicerè riconosciuto, Don Pedro di Toledo. La Sicilia diviene un vicereame a parte. Sempre più si rivelano due distinte nazionalità nella nazione costituita da Ruggero il Normanno: quella siciliana nell'isola e quella del continente detta antonomasticamente napoletana. I due viceregni fanno parte di quella sorta di federazione che era l'impero spagnolo, e si possono chiamare due delle tante Spagne che dipendevano da Madrid nel massimo rispetto dell'autonomia e nella massima considerazione della loro importanza.

XVII sec.

Nel 1647 scoppia la rivolta capeggiata da Masaniello che interpreta il malcontento generale per l'alta pressione fiscale dovuta agli esosi amministratori locali. Miseramente fallisce la sommossa popolare che però non era diretta al legame con Madrid. Così, quando i nemici della Spagna chiamano in soccorso il francese duca di Guisa, costui entra in città solo per saccheggiarla, si trova isolato ed in breve viene completamente debellato dagli Spagnoli.

XVIII sec.

Alla morte del sovrano spagnolo si accende una disputa dinastica che propone una candidatura austriaca e nuovamente spirano venti contrari alla Spagna. Per riportare serenità personalmente re Filippo V viene a Napoli per concedere qualche privilegio ma non si risolvono i problemi di fondo. I fautori del partito asburgico non si riorganizzano: per accordi internazionali nel 1707 la città è abbandonata dagli Spagnoli sostituiti dagli Austriaci. Ma a Napoli il vero desiderio plebiscitario è quello di non dipendere in alcun modo da nessuna capitale straniera.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 41 visitatori online e 1 utente online
  • Antonioium
Utenti
20469 registrati
0 oggi
2 questa settimana
1866 questo mese
Totale Visite
11816378 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer