spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Storia arrow Il 1799 arrow Michele Pezza

Michele Pezza PDF Stampa E-mail

FRA' DIAVOLO

Michele Pezza nasce ad Itri, nel distretto di Gaeta, provincia di Terra di lavoro del Regno di Napoli, nel 1771. Una malattia che lo colpisce da bambino convince la madre a chiedere grazia a S. Francesco con il voto di vestirlo da fraticello (com’era in uso dalle nostre parti, vedi S. Ciro a Portici) fino alla consumazione dell’abito. Il carattere abbastanza vivace del ragazzo cozza con il suo abbigliamento e gli affibbiano il contro-nome  di Fra’Diavolo. Da giovanotto va a lavorare dal mastro sellaio della sua città ma, ai bruschi e maneschi rimproveri di costui, reagisce istintivamente con il suo carattere focoso colpendolo a morte. Per fuggire deve liberarsi anche del fratello della vittima che vuole ucciderlo. Diventa a 27 anni un latitante condannato in contumacia. Il 1798 è un anno fatidico per la sua pacifica Patria che sta per essere invasa dai predoni della rivoluzione francese e circola un bando reale per reclutare volontari per la difesa dei confini. E’ l’occasione propizia per il pentito Michele che fa commutare la sua pena in 13 anni di servizio militare. Allo sfascio dell’esercito regio mal condotto da Mack, l’itrano si trova in divisa nella sua terra in quel tardo autunno che vede apparire le avanguardie francesi.   Senza comandanti e senza ordini, istintivamente si mette a capo di tutti quelli che vogliono difendere i propri Valori radunandoli attorno al forte di Santandrea che si trova lungo l’originario tratto della Via Appia, in una profonda gola tra Itri e Fondi. Riflettendo sulla palese inferiorità in uomini e mezzi, capisce che non è possibile sfidare in campo aperto il nemico che le voci dipingono come spietato e sempre vittorioso da Parigi fino a Roma.    

                               i predoni francesi scendono in Italia

invas.jpg

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 39 visitatori online
Utenti
20143 registrati
0 oggi
9 questa settimana
1406 questo mese
Totale Visite
11270927 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer