spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Caro Mirko Domenico Ferrara...

Caro Mirko Domenico Ferrara... PDF Stampa E-mail

Devo ammettere questa mia debolezza: pur essendo al 100% napoletano, la scoperta e l'incontro con neoborbonici di Sicilia mi rende PIU' contento che non con i neoborbonici "continentali".
Le ragioni sono molte: intanto, perché storicamente la Sicilia fu di fatto l'anello debole del nostro Stato, quello utilizzato strategicamente dai nostri nemici per scardinare ed annettere le Due Sicilie al Piemonte. Dunque non è affatto facile per un siciliano (non lo sarebbe per nessuno) rileggere quegli eventi ed ammettere questa responsabilità storica, evitando di ripercorrere un vicolo cieco.
Poi perché mi sono fatto l'idea che fosse oggettivamente assai ostico per i governi borbonici far sviluppare la Sicilia così come facevano con altre parti del Paese: per colpa di troppi baroni prepotenti e parassiti, certo, ma anche e soprattutto per colpa della ricchezza di zolfo, che nell'Ottocento attirava troppi indesiderati "avvoltoi". Per questo non è facile per un siciliano del Duemila concludere "che l'arretratezza della Sicilia nei secoli fu dovuta alla classe baronale prima e ai piemontesi poi; ma non certo ai borboni. Quest'ultimi difatti, hanno lasciato testimonianze di raffinata arte e sentito mecenatismo."
Poi, perché la Sicilia è una terra che amo particolarmente, perché esercita su di me un grande fascino sia estetico sia culturale: l'orgoglio che i siciliani ancora conservano per la loro terra (e che purtroppo i meridionali continentali hanno smarrito più in fretta) è proprio uno dei principali caratteri che il Movimento vuole ricostruire e coltivare in ogni duosiciliano.
Infine, per una ragione squisitamente politica: una stretta collaborazione ed alleanza tra napolitani e siciliani è il miglior biglietto da visita che le Due Sicilie Confederate possono consegnare nelle mani degli stranieri (stranieri intesi anche come padani); mentre le frizioni interne, tipicamente dovute a spinte dei siciliani verso un puro autonomismo, fiaccherebbero immancabilmente l'azione degli uni e degli altri.

Mario Bellotti

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 54 visitatori online
Utenti
28178 registrati
15 oggi
67 questa settimana
2509 questo mese
Totale Visite
14818472 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer