spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Storia arrow Storia del Regno arrow Dai due Regni di Sicilia al Regno delle due Sicilie

Dai due Regni di Sicilia al Regno delle due Sicilie PDF Stampa E-mail

I rivoltosi invocano l'aiuto di Re Pietro III d'Aragona che sbarca nell'isola liberandola dai Francesi e progetta di proseguire in continente ma, non sperando seriamente nella totale vittoria, lascia un luogotenente a Palermo Giovanni da Procida) e torna in Catalogna. La lotta continua sul mare ove è catturato il figlio di Carlo. Poco dopo defunge Carlo d'Angiò lasciando un regno con la parte più meridionale in possesso degli Aragonesi.

La situazione si cristallizza con la quasi coeva morte di Pietro. Quindi dai Vespri Siciliani il Regno di Sicilia, rimasto intatto da quello fondato dai Normanni dall'isola al Tronto e al Garigliano, praticamente si divide in due regni. Quello insulare con capitale Palermo (che, sotto gli Aragonesi, prende il nome di Regno di Trinacria) e quello continentale con capitale Napoli (detto Regno di Sicilia, per la ferma volontà di riottenerla, sotto gli Angioini) in base al trattato di Caltabellotta (1302).

XIV sec.

Dopo il breve regno del figlio di Carlo I, liberato grazie alla mediazione inglese, Carlo II, diventa re Roberto d'Angiò. Egli tenta vanamente la riconquista della Sicilia. Re Roberto, detto il Savio, fa divenire Napoli una splendida capitale, ultimando anche la dimora di Castel Nuovo ( il così detto Maschio Angioino). Alla morte di Roberto (1343) il trono va alla nipote Giovanna d'Angiò che indebolisce il regno per la sua dissennatezza.

I Siciliani cercano di riprendere l'estremo sud continentale e le colonie nel nord Italia (come quelle piemontesi) si smembrano. La scomparsa del re di Catalogna lascia smarrita la Sicilia che finalmente ritorna sotto Napoli (1356). Giovanna viene scomunicata per aver suscitato le ire del nuovo Papa Urbano VI e dichiarata decaduta dal trono. Il regno tocca al nipote del primo marito, Carlo di Durazzo, imparentato con gli Angioini, e con gli Ungheresi. Ma a Budapest costui cade vittima di una congiura. Suo figlio Ladislao deve lottare duramente con i Francesi per ottenere il regno.

XV sec.

Alla sua subitanea dipartita, regna la sorella Giovanna II. Costei, spaventata dalle usuali mire angioine, chiama in soccorso Alfonso d'Aragona. Quest'ultimo combatte strenuamente nella capitale con Renato d'Angiò e prevale, pur inviso al popolo, più favorevole ai Francesi.

Con Alfonso V d'Aragona vi è ufficialmente la riunificazione dei "due regni della Sicilia" all'ombra del dominio spagnolo-aragonese con il titolo di regno utriusque Siciliae, cioè delle Due Sicilie (1442). L'arco di trionfo per Alfonso V d'Aragona, edificato sulla facciata principale del Castel Nuovo, lo nomina Alfonso I Re delle Due Sicilie. Suo successore è Ferrante che è costretto a reprimere le recrudescenze delle ambizioni angioine.

Suo figlio Alfonso II deve lottare contro Carlo VIII di Valois per le annose rivendicazioni francesi ed abdica per suo figlio Ferrante II, assai amato dal popolo perchè primo re nato e cresciuto a Napoli. I successi militari francesi riducono lo spagnolo a barricarsi nel castello d'Ischia. Ma l'opposizione papale costringe Carlo VIII ad abbandonare Napoli pur lasciandovi dei presidi, agevolmente espugnati dagli Aragonesi guidato da "Ferrantino" che scompare senza eredi diretti e passa il trono allo zio Federico.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 44 visitatori online
Utenti
20314 registrati
0 oggi
4 questa settimana
1696 questo mese
Totale Visite
11492774 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer