spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow In Francia mentre si riaccendono i fuochi...

In Francia mentre si riaccendono i fuochi... PDF Stampa E-mail

Di Pasquale Costagliola

In Francia mentre si riaccendono i fuochi della rivolta razziale nelle periferie, nei cenacoli e sulla stampa si estende il dibattito sulla previsione normativa che sancisce penalmente qualsiasi critica al genocidio degli armeni.

Così alla punizione del revisionismo sulla Shoa s’aggiunge quello delle persecuzioni turche.

Una situazione che ha sollevato dubbi in alcuni studiosi ed opinionisti, per il rischio di “giudizializzare” la storia ma soprattutto per i risvolti diplomatici  che l’adesione della Turchia all’Unione Europea comporta.

Al di là delle contingenze politiche attuali, in effetti in tutta Europa  sta montando una sovrastruttura giuridica che entra prepotentemente nelle vicende storiche e che lascia vittime sulla sua strada, basti pensare a Paul Rassinier o a David Irving scrittori che mettevano sotto critica l’olocausto e che sono incappati in guai giudiziari. Ma questa attenzione al cortile del vicino da parte della repubblica transalpina, se i turchi possono considerarsi vicini, impedisce di vedere il proprio uscio di casa. In Francia vi è stato un genocidio programmato del popolo vandeano, con più di 600.000 morti, senza contare le vittime della Bretagna.

Un massacro fatto dalla repubblica in nome degli immortali principi che dovrebbe meritare uguale tutela giudiziaria e che necessita di condanne dei possibili revisionismi illuministici che lo mettessero in dubbio. Perché i morti dell’Ovest francese, periti per mano dei bleus di Robespierre o della guardia napoleonica, non possono aspirare alla tutela di una memoria imperitura ed alla condanna di un esecrabile massacro? Sulla stessa scia dovrebbe inserirsi una  pari condizione di riscoperta e salvaguardia  giuridica del genocidio del popolo meridionale. Nell’Italia del risorgimento in nome degli stessi principi di fratellanza si consumò la strage dei cafoni. Ebbene , abbiamo il coraggio di dirlo e denunciarlo, richiedendo gli strumenti giuridici che altri hanno preteso. Il nostro popolo è stato distrutto, i nostri morti sono tanti e non sono da meno le sevizie subite dai civili inermi. In quest’epoca di pentimenti, ovvero  repetance, dove dai pellerossa ai curdi, passando per gli israeliti, tutti hanno avuto diritto al loro momento di memoria, perché non dovrebbero avere spazio le vittime della furia giacobina del 1789 e dei morti delle Due Sicilie? La contabilità macabra non fa difetto alla nostra “fattispecie” e visto che esiste una norma che sanziona i revisionismi applichiamola a tutto campo contro i fautori dei massacri democratici come i nostrani intellettualoidi che festeggiano il decennio francese.

Pasquale Costagliola

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 49 visitatori online
Utenti
28178 registrati
15 oggi
67 questa settimana
2509 questo mese
Totale Visite
14818520 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer