spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Film di Gibson-Francesco Varchetta

Film di Gibson-Francesco Varchetta PDF Stampa E-mail

L' idea di fondo è quella di agganciare la storia misconosciuta del "sud italiano" a quella più famosa del "Sud americano" della guerra di secessione, usando quest' ultima e più famosa come cavallo di troia per portare la Nostra storia meridionale alla ribalta del pubblico internazionale grazie a Mel Gibson che non è solo attore ma bensì  proprietario di una casa di distribuzione (Icon Distributions Inc.) e quindi più libero di scegliere cosa far vedere. Il nesso fra queste due storie separate da un oceano ma vicinissime per ideali e contemporaneità, ruota intorno alla presenza di ex soldati borbonici arruolati fra i sudisti americani, su questo abbiamo precise testimonianze storiche che approfondiscono questo aspetto; ancora di più si potrebbe ottenere dagli amici dei Sons of Confederate Veterans con cui a Napoli facemmo un incontro
memorabile.

Penso ad una sceneggiatura scritta a "quattro mani" da Napoli e da un americano... in cui con la tecnica del flash back un personaggio principale storicamente esistito ( ex soldato borbonico e poi brigante, emigra per sfuggire alla cattura e arruolato fra i Sudisti Confederati difende una stessa causa), sarebbe quasi il continuo in terra americana del romanzo di Alianello "L' eredità della priora" che termina con un imbarco e ingaggio per la guerra di secessione americana. Sullo schermo Il personaggio vive la vicenda americana raccontando i fatti precedenti e rimarcando le somiglianze fra le due guerre.

I dialoghi come già fatto nel film "La passione" sarebbero solo nelle lingue originali. Nel nostro caso Napoletano stretto e Inglese Americano, senza concessioni per "l' italiano" ... sai poi come schiattano a Firenze quando vedono il film...

Credo sarebbe la prima volta che la guerra di secessione americana venga raccontata sullo schermo da un siciliano e contemporaneamente l' invasione garibaldina del sud italiano venga vista "molto dall' esterno" evidenziando le connessioni e gli interessi internazionali sulle Due Sicilie; questo aiuterebbe gli italoamericani (o meridioamericani) a sentirsi meno mafiosi o poveri emigranti e più parte nobile della storia americana, oltre che scoprire una altra italianità che non ci azzecca niente con i programmi filopadani degli istituti di cultura italiana all' estero tipo NIAF etc. Vi immaginate il ritorno di immagine che ne avrebbero i Neoborbonici sopratutto dagli italoamericani? il solo fatto di sentire al cinema dei personaggi che parlano italoamericano (dialetto-inglesizzato) come i loro nonni avrebbe un effetto molto forte.

La scelta di privilegiare quale personaggio principale un ex soldato borbonico piuttosto che un popolano che diventa brigante rimarcherebbe l'idea di una società meridionale già ordinata e già libera prima del 1860, ma sopratutto rimarcherebbe l' esistenza riconosciuta come stato-nazione ; la prima sede diplomatica dei neonati USA in Italia fu aperta a Napoli alla fine del 700, e non certo per caso.. Al contrario le vicende del brigantaggio messe da sole in primo piano, come nel film di Squitieri, rischierebbero puntualmente di far apparire la nostra resistenza come una enorme improvvisa rivolta contadina facilmente attribuibile alla "atavica miseria del precedente governo borbonico .... i diritti del film di Squitieri erano proprietà della Medusa proprietà di un amico di Bossi ecco perchè il film non ha avuto l' eco sperata.

Il film di M. Gibson invece è una occasione d' oro da gestire attentamente, dovremmo scrivere una
sceneggiatura abbastanza professionale da sottoporre a MG; Il MNB dovrebbe presentarsi almeno come consulente storico, professionale e credibile, magari con gli amici americani dei SVC (grazie a Toma), sarebbe una bella opportunità anche economica per le casse del movimento.... ci sarebbe abbastanza da lavorare per interpreti (di napoletano e inglese), avvocati, sceneggiatori e ricercatori d' archivio. Il punto è come assicurarsi questa esclusiva al MNB... intanto lavoriamo su una buona sceneggiatura da presentare, chiunque sente di avere talento nella scrittura creativa potrà cimentarsi sebbene sarebbe meglio creare un gruppo che lavora in comune su uno stesso canovaccio.

Aggiorniamoci sono a disposizione per qualche traduzione di inglese

A presto

Francesco Varchetta

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 59 visitatori online
Utenti
28178 registrati
15 oggi
67 questa settimana
2509 questo mese
Totale Visite
14818167 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer