spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow Gli eroi Borbonici delle Due Sicilie arrow Francesco Recco

Francesco Recco PDF Stampa E-mail

Francesco Recco

Salerno 27.1.1820 Napoli 7.1.1911

Maggiore

Figlio di Francesco Recco, dei duchi di Accadia. Rimasto orfano di entrambi i genitori in tenera età, fu ammesso alla Nunziatella per intercessione di uno zio, Ferdinando,ufficiale superiore della guardia reale.

Nel marzo del 1848 aveva il comando delle artiglierie nel forte di S. Salvatore, presso la cittadella di Messina, un fortino quello di S. Salvatore situato all'estremità di una lingua di terra che chiude il porto di Messina. Nel settembre del 1849 si distinse in due sortite dalla cittadella, per queste azioni fu decorato con la croce di grazia di S. Giorgio.

Continuò la campagnia in Sicilia fino a Palermo ottenendo la medaglia d'oro.

Nel 1860 era maggiore di stanza a Gaeta, quando ebbe l'ordine di recarsi di nuovo a Messina e prendere il comando del fortino di S. Salvatore che difese con onore fino al 13 marzo del 1861.

Fu uno degli ultimi soldati militari napoletani a ripiegare il vessillo borbonico, per ordine del re Francesco II non certo per sua scelta, fosse dipeso da lui , la lotta si sarebbe protesa fino all'effusione del proprio sangue.

Il generale Fergola lo decorò con la croce di Francesco I, il re lo promossa a tenente colonnello.

Alla fine delle ostilità si ritirò in famiglia con una modesta pensione da capitano e morì a Napoli novantunenne nel 1911, portando sempre nel cuore la sua fedeltà borbonica.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 54 visitatori online
Utenti
20270 registrati
1 oggi
7 questa settimana
1525 questo mese
Totale Visite
11428447 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer