spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow Gli eroi Borbonici delle Due Sicilie arrow Giovan Luca Von Mechel

Giovan Luca Von Mechel PDF Stampa E-mail

Giovan Luca Von Mechel

Basilea 30- 10- 1807 Basilea 9-6-1873

Nel 1850 Ferdinando II decise di aggiungere nel esercito napoletano, un corpo scelto di reggimenti svizzeri.

Sulla falsariga dei 12 battaglioni cacciatori indigeni costituì un 13°cacciatori tutto composto da svizzeri.

Il primo comandante fu il tenente colonnello Lombach di Berna e il suo secondo fu il maggiore Von Mechel di Basilea.

Due anni dopo , Von Mechel fu promosso tenente colonnello ed ebbe il comando del battaglione.

Circondato da ottimi ufficiali e soldati portò il 13° cacciatori ad un livello di preparazione ottimale.

La sera del 7 luglio 1860, fomentata ad arte da Alessandro Nunziante, ci fu una rivolta del 3° reggimento svizzero, questo episodio causò lo scioglimento di tutti i corpi elvetici.

Von Mechel chiese ed ottenne dal re , la costituzione di tre battaglioni simili al 13°, composti da quei militari svizzeri che non vollero abbandonare il regno, i battaglioni furono chiamati 'reggimenti esteri'.

I primi furono inviati a Nocera per l' istruzioni mentre il resto fu spedito a Palermo dove combattè valorosamente alla fine del maggio 1860.

Von Mechel ebbe il compito di incontrare Garibaldi e di impegnarlo in battaglia fuori Palermo, il Nizzardo gli mando a contrastarlo il siciliano Vincenzo Giordano Orsini, un ex ufficiale borbonico, disertore dal 1848, uno dei tanti soldati traditori del regno, a Corleone , il 27 maggio le orde garibaldesche dell' Orsini furono sbaragliate e sconfitte.

Il 28 maggio, Von Mechel marciò contro Garibaldi alla volta di Palermo, il giorno seguente Lanza chiedeva una sospensione delle armi all'invasore , Von Mechel però nel frattempo aveva disposto i suoi in assento di guerra , in poche ore , con due colonne, travolse i garidaldesi, che furono costretti a rinculare, rimanendo accerchiati e senza via di scampo, ma il generale Lanza fece sospendere l'attacco per motivi di lealtà militare avendo lui chiesto l'armistizio.

Rientrato a Napoli progettò con il sovrano un piano di guerra che prevedeva lo scontro aperto a Salerno contro le truppe 'rosse', la decisione fu modificata ed anche Von Mechel si ridusse dietro al Volturno.

L'indecisione e i temporeggiamenti degli alti ufficiali napoletani causarono a Maddaloni la decisione del Von Mechel di agire da solo, con il risultato disastroso dello scontro di Valle di Maddaloni.

Von Mechel non fidandosi del Ruiz preferì muoversi per proprio conto senza dare seguito al progetto di battaglia stabilito, nonostante il coraggio e la testardaggine del colonnello svizzero, tutto il piano risultò un fallimento, i nostri dovevano accerchiare i garibaldesi con una azione a tenaglia, ma a combattere furono solo gli uomini a disposizione del Von Mechel, lo scontro durò otto ore, fra i caduti risultò anche il figlio primogenito del colonnello svizzero , Carlo, accorso al capezzale il comandante lo abbraccio? per poi salutarlo con le parole 'Viva il re'.

Il conflitto era oramai perso, Von Mechel continuò comunque la guerra.

A Cascano,il 26 ottobre, con la sua brigata, ebbe l'ordine di proteggere la ritirata dell'esercito verso il Garigliano.

Lasciò Gaeta il 2 dicembre 1860 per recarsi a Roma dove si occupò dello scioglimento dei corpi esteri ed al loro rimpatrio.

Da Roma raggiunse poi Basilea dove si stabilì e morì.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 94 visitatori online
Utenti
20314 registrati
0 oggi
4 questa settimana
1696 questo mese
Totale Visite
11491976 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer