spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Storia arrow Uomini Illustri delle Due Sicilie arrow Vincenzo Bellini

Vincenzo Bellini PDF Stampa E-mail

Vincenzo Salvatore Carmelo Francesco Bellini (Catania, 3 novembre 1801 - Puteaux, 23 settembre 1835)

Figlio di Rosario Bellini, organista e compositore, sin da bambino rivelò grandi doti musicali. Studiò a Catania, guidato dal nonno Vincenzo Tobia, anch'egli musicista, e dal padre. Nel 1819 il comune di Catania gli offrì una borsa di studio, grazie alla quale Bellini si recò a Napoli dove frequentò il conservatorio. Durante gli studi compose musica sacra e da camera, e concluse il corso di composizione del conservatorio presentando un'opera semiseria, "Adelson e Salvini" (1825); il Teatro San Carlo di Napoli gliene commissionò subito un'altra, "Bianca e Fernando", rappresentata nel 1826. Nel frattempo, l'impresario Domenico Barbaja gli chiese di comporre un altro melodramma per il Teatro alla Scala di Milano. Trasferitosi nella città lombarda, nel 1827 Bellini portò a termine la composizione del "Pirata", il primo in collaborazione con il librettista Felice Romani. All'inizio del 1833 si trasferì a Londra per alcuni mesi; di là si spostò poi a Parigi, dove condusse una vita molto disordinata e dove morì due anni dopo. Le sue opere più famose: "La Straniera" (1829), "I Capuleti e i Montecchi" (1830), "La Sonnambula" e "La Norma" (1831), "Zaira", "I Puritani", quest'ultima rappresentata nel 1835.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 36 visitatori online
Utenti
20383 registrati
1 oggi
2 questa settimana
1712 questo mese
Totale Visite
11620204 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer