spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Storia arrow Uomini Illustri delle Due Sicilie arrow Giovanni Paisiello

Giovanni Paisiello PDF Stampa E-mail

Giovanni Paisiello
(Roccaforzata, Taranto, 9 maggio 1740 - Napoli, 5 giugno 1816)

Autore dell'inno delle Due Sicilie

Inizia gli studi musicali a Taranto, li prosegue poi a Napoli preso il Conservatorio di S.Onofrio a Capuana, prima con Francesco Durante, poi con Carlo Catumacci e Gerolamo Abos.
I primi successi da compositore, più precisamente da operista, li ottiene al Nord, a Bologna, dove debutta con Il ciarlone (1764), e poi Modena, Verona, Venezia. Rientrato a Napoli nel 1766, ottiene il suo primo trionfo napoletano nel 1767 con L'idolo cinese. A quest'opera fanno seguito tutta una serie di titoli che consolidano la sua fama, fino al Socrate immagionario, del 1775, che chiude il suo primo 'periodo' compositivo: la personalità del compositore è ben delineata, sia con le sue capacità di operista buffo, sia con la sua propensione per il genere serio. In quest'opera in particolare, Paisiello portava la satira al massimo livello, non limitandosi a generalizzare, ma puntando sull'individuo.

Ormai la fama di Paisiello aveva varcato i confini del regno di Napoli e così Paisiello accettò nel 1776 l'invito dell'imperatrice Caterina II di Russia a recarsi a Pietroburgo per occupare il posto di maestro di cappella lasciato vacante da Traetta. A Pietroburgo compose l'opera seria Nitteti (1777), I filosofi immaginari (1779), La serva padrona , sullo stesso libretto già musicato da Pergolesi, Il barbiere di Siviglia sul testo di Giuseppe Petrosellini, tratto da Beaumarchais.
Nel 1784 Paisiello, certo che a Napoli lo aspettava un incarico importante, lasciò la Russia. Durante il lungo viaggio di ritorno, Paisiello si fermò anche a Vienna, dove Giuseppe II lo sollecitò a comporre un'opera: nacque così Re Teodoro in Venezia, su testo del Casti, che ottenne un trionfo memorabile.
Di nuovo a Napoli, Paisiello continuò a comporre opere, senza tralasciare la musica sacra e da camera. Di questo terzo periodo si ricorda soprattutto Nina o sia la pazza per amore (1789).
Le vicende politiche che coinvolsero il regno di Napoli ebbero notevoli ripercussioni sulla carriera e sulle fortune del compositore. Quando nel 1799 si instaurò la Repubblica partenopea, Paisiello non seguì il re Ferdinando in fuga per Palermo, e in seguito accettò la nomina di maestro di cappella della Repubblica. Ritornato Ferdinando e restaurata la monarchia, per il compositore iniziò un periodo assai tormentato.
L'invito di Napoleone, che amava la sua musica più di quella di ogni altro compositore, a recarsi a Parigi, pose di nuovo Paisiello in una posizione di primo piano. Il tiepido successo ottenuto dalla sua Proserpina (1803) su libretto di Quinault, lo spinse a chiedere anche a Napoleone il permesso di rientrare a Napoli.
Nella sua città adottiva entra al servizio di Giuseppe Bonaparte e poi di Gioacchino Murat: in questi anni compone I pittagorici su libretto del Monti, l'opera che segnerà la sua definitiva caduta in disgrazia alla nuova restaurazione dei Borbone. Muore in miseria, dimenticato da tutti, assistito dalla sorelle.

 

 
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 31 visitatori online
Utenti
20476 registrati
0 oggi
0 questa settimana
1873 questo mese
Totale Visite
11829418 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer