spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Considerazioni e memoria del convivio sannicolese -dechristen

Considerazioni e memoria del convivio sannicolese -dechristen PDF Stampa E-mail

L'anno sabatico che si accinge a chiudersi ha avuto per i neoborbonici casertani la giusta serrata giovedì 3 agosto in un noto locale sannicolese.

Proprio a S. Nicola il movimento ha avuto il battesimo del fuoco anche in politica,con le amministrative comunali, in "Terra di Lavoro" quest'anno i "seals" neoborbonici hanno messo in atto alcune azioni che vanno ricordate per onor di cronaca , la battaglia contro l'interramento di viale Douhet, il convegno con i Lyons sulla questione meridionale, quello a S. Agostino sul problema della globalizzazione, la lapide ai caduti delle Due Sicilie in quel di Casolla , le battaglie in sinergia con "Terra Nostra" sul dissesto dei monti tifatini, insomma se le azioni dei neoborbonici casertani fossero di natura aziendale il risultato di fine gestione annua non potrebbe altro che essere in attivo, con dei risultati più che soddisfacenti.

La chiosa della stagione ha visto ieri la presenza ,oltre il nucleo neoborbonico sannicolese, oramai consolidato e ben amalgamato, che ha fatto da anfitrione per l'evento , una nouvelle vougue quella del movimento di S. Nicola che conta su elementi di spessore che uniscono alla spiccata fede duosiciliana un senso di pragmatismo e realismo che è viatico di buon auspicio per le future "battaglie", per aggiunta c'è la fortuna del dato anagrafico di questi nostri giovani, i nostri ragazzi calatini neoborbonici hanno l'età giusta per quella speranzella di classe dirigente da noi tanto agognata, che parte dall'adesione del progetto da uno dei rampolli di casa Ferrante, famiglia sannicolese impegnata da anni nella politica cittadina , oltre al caro Giovanni Ferrante l'associazione può contare su l'esuberanza e la preparazione di Peppe Foschi e del temprato e personalissimo amico Nicola D'auria, oltre naturalmente ad Antonio Ondino anche egli al tavolo del convivio, assenti ma rammaricati, perchè ancora impegnati per lavoro, l'architetto Izzo e Michele Mandarino.a salutare i convenuti l'imprenditore sannicolese nonchè simpatizzante neoborbonico Luigi Gallo.

La serata ha avuto l'onore e la presenza di due delle migliori firme della cronaca casertana, due delle migliori "penne" del firmamento di "Terra di Lavoro", ormai non più giornalisti ma compagni di viaggio, amici di lotta, attaccati al progetto storico-socio-culturale da noi avviato quasi quindici anni orsono, i paladini in questioni rispondono al nome di Mauro Nemesio Rossi e Nunzio De Pinto.

In nostra compagnia l'editore Giuseppe Vozza , neoborbonizzatosi per amore delle nostre idee di tradizione e di identitarismo, che sono i nostri punti cardine , che sposano in toto con la visione del mondo del caro Vozza.

I neoborbonici casertani presenti all'incontro di ieri, capitanati dalla punta di diamante del movimento, Pasquale Costagliola, erano Alberto Montanaro responsabile tra l'altro con Costagliola dell'associazione "Terra Nostra", Raffaele De Lillo ed il nostro inossidabile comandante in capo del pacifico esercito neoborbonico generale Giovanni Salemi.

Da Napoli in compagnia dell'ingegnere Lorenzo degl'Innocenti, responsabile relazioni interne dell'associazione, si è aggregato il presidente nazionale Gennaro De Crescenzo, splendida figura e leader storico del movimento.

La serata ha dato spunti di riflessione e di programmazione futura, come l'apertura di un circolo in quel di S. Nicola che prevede non solo la presenza dei neoborbonici ma anche la cooperazione di forze nuove della città, con l'intento di dare un contributo alla crescita del nostro territorio. Incontri come questi sono per chi combatte in prima linea muovendosi in ambienti talvolta avversi se non ostili , una piccola panacea , un balsamo curativo per le ferite e i dispiaceri che talune volte ci vengono inferte.

Naturalmente e personalmente ringrazio , in qualità di responsabile provinciale casertano, tutti gli amici presenti e anche quelli non che per questioni di ubicazione e lontananza,non erano dei nostri, come Pino De Gennaro e il professore Avano, ma che spiritualmente erano al nostro desco e che in questa annata hanno dato una mano alla crescita del movimento neoborbonico, il tutto con l'auspicio di riprendere il "cammino della speranza" con più accesa convinzione al ritorno delle vacanze , sapendo però di potere contare su uomini di elevato spessore morale, dediti alla nostra giusta "causa", quella della ripresa identitaria duosiciliana.

Fiore Marro

Responsabile relazioni esterne per il movimento neoborbonico

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 17 visitatori online
Utenti
20151 registrati
0 oggi
6 questa settimana
1414 questo mese
Totale Visite
11286968 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer