spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow I Reggimenti Borbonici delle Due Sicilie arrow Reggimento ' Carabinieri a piedi'

Reggimento ' Carabinieri a piedi' PDF Stampa E-mail

Gennaio 1860: Il reggimento è comandato dal tenente colonnello Francesco Donati.

Aprile 1860: Il reggimento fa parte del corpo di esercito di stanza in Sicilia.

Maggio 1860: Un battaglione del reggimento al comando del maggiore de Cosiron fa parte della colonna Landi inviata a contrastare l'invasione di Garibaldi. Una sola compagnia guidata dal capitano Marciano combatte a Calatafimi. Il reggimento combatte anche per le strade di Palermo il 27, 28 e 29 . I nostri si comportano in maniera valorosa, comandati dal de Cosiron si fanno onore sul campo il capitano Delitala e l'alfiere Luigi Forte, de Cosiron e Forte vengono promossi alla guardia reale.Furono tanti gli uomini dell'esercito borbonico a distinguersi e farsi onore, piccoli grandi eroi, obliati dai vincitori, come i capitani Abbondanti e Magnanimi, combatterono con valore ed in nome della nazione duosiciliana, loro patria, i subalterni Carcatelli, Arcucci, De Filippis, Torrenteros, Alfano, Cafieri, Fortezza e Trotta, eroici soldati di un esercito dimenticato, figli e padri di un regno fiero e libero.

Luglio 1860: Il reggimento è inviato a Cosenza per fare parte della brigata Caldarelli.

Agosto 1860: Caldarelli si arrende senza colpo ferire ai garibaldesi, ed il reggimento si scioglie a Nocera.

Settembre 1860: Una frazione di soldati e ufficiali si presenta volontariamente al Volturno con in testa il colonnello Donati partecipando allo scontro di Roccaromana, si distinguono il maggiore Angellotti ed il tenente De Filippis, decorato con la croce di Francesco I. Commovente la frazione del capitano Bozzelli che per difendere la ritirata del nostro esercito si immolò con onore il 2 ottobre .

 
Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 63 visitatori online
Utenti
20407 registrati
0 oggi
6 questa settimana
2009 questo mese
Totale Visite
11692217 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer