spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow I Reggimenti Borbonici delle Due Sicilie arrow 3° Reggimento 'Principe'

3° Reggimento 'Principe' PDF Stampa E-mail

Gennaio 1860: Comanda il reggimento il colonnello Francesco Bonanno, siciliano, 53 anni, in carica dal giugno del 1859. Dal novembre di quell'anno le quattro compagnie scelte fanno parte di una brigata al comando dello stesso colonnello di stanza in Abruzzo, sotto gli ordini del generale Pianell.

Maggio 1860: Le compagnie scelte partono per Palermo dove combatteranno il 27, 28 e 29 . Si distingue il tenente Federico Forte decorato con la croce di S. Giorgio di merito. Il 1 maggio subentra nel comando del reggimento del colonnello Aldanese.

Giugno 1860: Le otto rimanenti compagnie , con il colonnello Aldanese ed il maggiore Milano sono a Messina dove formeranno col 5° e il 7° di linea la guarnigione. Le compagnie scelte rientrano a Gaeta, nella brigata di guarnigione sotto gli ordini del maggiore Ruggiero.

Settembre 1860: Assume il comando delle compagnie scelte il tenente colonnello Cortada.

Ottobre 1860: Dal 23 i corpi di Gaeta fanno parte della brigata Grenet. Il 29 sono in prima linea a difesa del ponte sul Garigliano lottando gloriosamente respingendo gli attacchi piemontesi dando una forte prova di valore militare.

Novembre 1860: Sconfinamento nello Stato Pontificio con la brigata Grenet.

Dicembre 1860: Si macchiano di diserzione, nella cittadella di Messina, i tenenti Moffa e Dell?Aversano. Il tenente Fusco partecipa con altri militari alle operazioni di guerriglia alla frontiera pontificia con la colonna Luvarà.

Gennaio 1861: Il 21 prende il comando del reggimento il colonnello Raffaele Ferrara già comandante i Tiragliatori di Guardia , giunto da Gaeta.

Febbraio 1861: disertano ignominiosamente il tenente De Candia e l'alfiere Casentino, viene espulso dalla cittadella di Messina, il colonnello Ferrara, per ordine del generale Fergola, con l'accusa di istigazione alla resa.

Marzo 1861:Il 2 vengono arrestati il maggiore Milano ed il capitano Messina con l'accusa di avere congiurato contro il generale Fergola. Il 13 capitola Messina e con essa si scioglie il reggimento. Vengono decorati per essersi distinti durante l'assedio il capitano Rasquinet e i tenenti Falduti, Biscogli e Caso.

Su 57 ufficilali 30 aderirono all'annessione nell esercito sardo, quasi tutti messi in ruoli sedentanei.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 46 visitatori online
Utenti
20403 registrati
0 oggi
2 questa settimana
2005 questo mese
Totale Visite
11681744 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer