spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

Genova per noi PDF Stampa E-mail

Mercoled? 3 maggio ?06 arrivo a Genova Principe alle 12,40. La manifestazione del MIL - Movimento?Indipendesta Ligure - ?contro i Savoia in Piazza Fontane Marose, dove ha sede il palazzo Pallavicini, ? troppo ghiotta per rinunciarvi.

Mi viene incontro il vulcanico Matteucci, e subito dopo Franco Bampi, segretario e presidente del movimento: medico dentista l?uno, docente universitario l?altro. Bampi lo ricordo, era sul sagrato del Duomo di Napoli, quel giorno dell?ingresso dei Savoia a Napoli, con la bandiera di Genova.

Giuseppe de Gennaro - delegato della Lombardia per il Movimento Neoborbonico - e Franco Bampi, presidente del Movimento Independista Ligure

Abbiamo mangiato qualcosa insieme in un ottimo self service e poi siamo andati in sede, dove si finiva di stampare alcune centinaia di volantini da distribuire alla manifestazione.

Alle 16,45 ci siamo avviati a piedi: Piazza Fontane Marose ? poco distante dalla sede e mentre Matteucci passava da casa a prendere le padelle per fare un po? di chiasso, io con la mia borsa dove ho riposto la mia bandiera gigliata, un cartello da me preparato col pennarello blu con su scritto: ?1860 Si fa l?Italia o si muore. 2006 l?Italia non c??: m? vulite mur???

Arrivati in piazza, siamo stati avvicinati dalla digos che ci raccomandava di non uscire dallo spazio assegnatoci, a circa cento metri da palazzo Pallavicini.

Non abbiamo avuto alcun problema con la nutrita mista forza dell?ordine.

Carabinieri, polizia, vigili, c?era di tutto davanti al palazzo.

Mi si permetta una disquisizione a proposito. I sigg. Savoia, in esilio da oltre 50 anni, hanno chiesto al nostro Stato, ossia a noi, di rientrare quali semplici cittadini in Italia.

Gli abbiamo detto, v? bene, venite ma senza nulla a pretendere. Sembra che ci? non sia vero. Diversamente perch? dei semplici cittadini arrivano in Italia con le scorte istituzionali? Cittadini residenti all?estero. Cosa c?? ancora che non sappiamo?

In piazza, con la mia bandiera e con uno strumento di legno, che, perdono, non ricordo pi? come si chiama nella nostra lingua, ma che a Milano chiamano ?raganella?, cartello al collo e comincio a fare un baccano infernale assieme a tutti gli altri che muniti di fischietti e pentole ci davano dentro come dei forsennati.

cartellone esposto

Una folta presenza di giornalisti, fotografi e cameraman che intervistavano sia Bampi che il sottoscritto ed attratti dal cartello appeso al collo. A Genova il MIL fa notizia e volentieri vanno in pasto a quotidiani tipo Il Giornale e credo che la manifestazione sia visibile stasera sul TG Regionale di Rai tre.

Un giusto tributo a chi da anni si batte per ottenere il risarcimento danni del sacco di Genova perpetrato dal cialtrone Lamarmora nel 1849. Genova non ha mai avuto, n? sottoscritto alcun plebiscito con i Savoia per la sua annessione, questa ? stata violenta, come d?uso nella dinastia savoiarda.

C?erano iscritti e simpatizzanti del MIL, poi sono arrivati alcuni del partito di Stella e Corona, anche loro contro (?) poi si sono aggiunti i Giovani Padani, insomma eravamo una cinquantina.

Ho conosciuto alcuni dei presenti, tra cui Costanza, insegnante di storia, con Elisabetta, sua bellissima figlia, di Aqui Terme. Di Aqui? S?, piemontese ma di origini duosiciliane.

Anche noi troviamo dei giudici a Berlino.

Non si pu? non riconoscere l?onest? intellettuale di quanti, al nord o al sud, conoscono la verit? dei fatti risorgimentali e si schierano di conseguenza. Un sentito grazie a Costanza per la sua presenza.

Purtroppo, in un giorno feriale come quello di ieri, i miei amici della Lombardia non hanno potuto abbandonare il lavoro per esserci anche loro al mio fianco.

Purtroppo questo problema ricorre spesso ed i Savoia, manco a farlo a posta, per le loro uscite non scelgono mai un sabato o una domenica. Mi sa tanto che lo fanno apposta, giusto per evitare un elevato numero di presenze alle contestazioni.

Alle 19,30 ho abbandonato la piazza salutando tutti per tornare alla stazione Principe per riprendere il treno prenotato per il rientro.

Sono arrivato a casa a sera tardi, stanco ma contento di esserci stato, di aver stretto nuove amicizie e di aver potuto rappresentare la mia Associazione in una citt? che molto ha in comune con Napoli.

Giuseppe De Gennaro

delegato neoborbonico Lombardia

Clicca qui per visionare altre immagini della manifestazione

?

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 68 visitatori online
Utenti
20382 registrati
1 oggi
1 questa settimana
1711 questo mese
Totale Visite
11615280 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer