spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow Gli eroi Borbonici delle Due Sicilie arrow Tommaso Cava

Tommaso Cava PDF Stampa E-mail

Napoli 1/5/1826 Napoli 12/12/1873

Tommaso Cava

Capitano

Figlio di un ufficiale di fanteria aveva iniziato la carriera come volontario a sedici anni.Nel 1860 divenne capitano al servizio prima del generale Salerni e poi dei generali Viglia e Palmieri in Abruzzo.

Dal 15 maggio 1860 fece parte dello stato maggiore del famigerato Pianell a Chieti che segu? anche a Napoli al ministero della guerra.

Il 18 luglio il ministro lo conged? insieme al capitano Sarria, gli unici ufficiali del suo stato maggiore che si recarono al Volturno.

Il 16 agosto il capitano Cava fu assegnato alla divisione Nocera comandata da Riedmatten, il 19 ottobre fu nominato capo di stato maggiore della divisione rimasta in Capua.

Al suo comando vennero effettuate alcune brillanti sortite, dando cos? prova del coraggio e dell'abnegazione del soldato napolitano, fino alla capitolazione il 2 novembre 1860.

I piemontesi gli offrirono l'incarico di presiedere la commissione di scrutinio dell'esercito borbonico, incarico che Cava rifiut?, consapevole del disegno sabaudo , quella manovra doveva offendere e mortificare in massa quasi tutti i militari napoletani, come poi si verific?.

Nel 1863 decise di pubblicare due violenti opuscoli contro i piemontardi ed i traditori dell'esercito duosiciliano, intitolati "Difesa nazionale Napoletana" e "Analisi politica del Brigantaggio" passando fra i maggiori oppositori del nuovo regime.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 76 visitatori online e 1 utente online
  • angelacom
Utenti
20315 registrati
1 oggi
5 questa settimana
1697 questo mese
Totale Visite
11492876 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer