spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

Savoia a Napoli, tensione e imbarazzi PDF Stampa E-mail

Domenica 16 Marzo 2003

Slogan durissimi, due ore di tafferugli fra fedelissimi, contestatori e disoccupati. E la iena tv Lucci rischia il linciaggio
Savoia a Napoli, tensione e imbarazzi
La visita al Duomo diventa ?privata" per evitare incidenti di piazza

dal nostro inviato

FABIO ISMAN

NAPOLI - Mannaggia, che sconquasso: la principesca rentr?e finisce a spintoni e calci, appuntamenti rinviati o sospesi, pubblici parapiglia e private querelles; Vittorio Emanuele di Savoia, il figlio Emanuele Filiberto e la moglie Marina Doria, gi? all?aeroporto, costretti a battere in ritirata da una delle Iene televisive; e al Duomo, i neoborbonici, con il decisivo supporto di fazioni politiche e disoccupati di estrema destra, capovolgono la storia: battono i monarchici, impedendo alla ex royal family di partecipare alla Messa. Spintoni e botte all?aeroporto: perch? i monarchici pi? accesi se la prendono prima con alcuni giornalisti, rei di un tentato avvicinamento (con microfoni e telecamere) nei confronti di Vittorio Emanuele; poi con Enrico Lucci, uno del programma tv Le iene, ripetutamente malmenato. Lucci urla "fascisti, fascisti"; i monarchici, ai giornalisti, "bastardi comunisti"; il principe, appena rentrato in Italia con un?ora di ritardo dopo 56 anni d?attesa, ha il tempo di concludere la rapida e commossa lettura di un discorsetto, che viene di nuovo messo al sicuro nell?area internazionale da dove era appena venuto. Se ne andr?, con un corteo di quattro Thesis gentilmente concesse dalla Fiat e mandate apposta da Torino, solo da un?uscita secondaria, lasciando deluso il pubblico di fedelissimi, trasportati dalla citt?, con bandiere, coccarde dal nodo Savoia, mantelli e medaglia, a bordo di quattro pullman. Lucci, tallonato da una folla inferocita, ? messo in salvo dalla Digos su un taxi; proprio mentre il barone Luca Carrano, grande barba e vasta mole, si accascia per un collasso, viene defibrillato e finisce su un?autoambulanza. E mentre il responsabile della stampa che i Savoia hanno scelto, collaboratore de Il Foglio, dichiara a una tv francese: ?Il giornalista di una trasmissione tv aveva intenzione di attaccare fisicamente la famiglia reale, ed ? dovuta intervenire la sicurezza?. No, non era cos?.
Per?, ce n?est qu?un d?but: ? soltanto l?inizio. Al Duomo, il presidio degli antimonarchici ? composito. Contestazione tutta d?estrema destra. Lo sono i gruppi di disoccupati; lo sono i movimenti di Fiamma tricolore e di Forza nuova; lo ? anche un consigliere comunale di Forza Italia, Nino Funaro, per? presente in quanto neoborbonico. Gente venuta da mezza Italia: Genova, Venezia, Catania. Due ore di tafferugli, se non peggio. Bottiglie d?acqua (piene), pietre, sputi, anche altro. Una bandiera monarchica incendiata; bruciato anche il mantello di un?attempata Guardia d?onore del Pantheon; tra gli altri, il principe Carlo Giovannelli rimedia un colpo in testa. I focolai di rissa si sprecano. Slogan durissimi; 500 fischietti azzurri, con lo stemma neoborbonico, distribuiti per rendere l?ambiente pi? assordante; clima assai acceso; quasi una mini-rivolta di un migliaio di persone.
Nel Duomo assediato, la messa si celebra solo per i nobili che sono riusciti a raggiungerlo, ma (tre poltrone rosse vuote in prima fila e 300 nostalgici delusi) senza le "Loro Altezze". Che soltanto pi? tardi, a sorpresa, ce la faranno ad incontrare il cardinale Michele Giordano, ed a rendere omaggio al sangue di San Gennaro. Il quale, tuttavia, deve essere stato antimonarchico, perch? al principe che bacia le ampolle con il suo sangue nega il miracolo e non lo lascia liquefare. Frattanto, per? (sempre a proposito d?incontri), al Circolo Canottieri, era stato gi? celebrato quello con sindachessa e governatore, cio? Rosa Russo Iervolino ed Antonio Bassolino. Anche se, fino alla vigilia, la sindachessa aveva giurato che non avrebbe incontrato il principesco gruppo, n?, tanto meno, sarebbe stata la ?loro baby sitter?. I commenti s?intende negativi per questo voltafaccia, non occorre dire che si sprecano; e non basta a limitarli la precisazione che si tratta di ?pura cortesia?, anche se perfino in campo neutro e tra tanta segretezza.
Insomma, non ? certo la rentr?e in cui gli ultimi Savoia confidavano, anche se, ad un certo punto, il principino precisa che la contestazione era attesa: ?La visita non ? finita, qui siamo e qui rimarremo?; ma poi ammette, ?quando torneremo, e lo faremo, lo faremo in privato?. Tensione alle stelle: a sera, al Circolo dell?Unione, Vittorio Emanuele non ce la fa pi?; inizia a parlare, ?sono contento di essere tornato?, e scoppia in lacrime. Il primo caff? napoletano con Bassolino, il primo pianto in Italia in mezzo ai nobili.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 59 visitatori online
Utenti
20473 registrati
1 oggi
6 questa settimana
1870 questo mese
Totale Visite
11819282 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer