spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow Gli eroi Borbonici delle Due Sicilie

Gli eroi borbonici delle Due Sicilie


Non c'è un luogo dove onorare la memoria di quei bravi soldati del Regno che si fecero onore e diedero orgoglio all'esercito napoletano.

La storia dei vincitori omette ogni gesto di valore dei vinti,obliandone nomi e azioni. In molti preferirono immolarsi pur di non tradire la Patria, riportiamo come esempio un passo della lettera del sergente De Federicis prigioniero nelle carceri di Fenestrelle, cercando così di dare un poco di voce ai nostri amati Eroi:

"Richiesto replicate più volte dai nemici a servire sotto quella bandiera, rigettai sempre costantemente gli astuti raggiri e gli empi consigli di costoro, esternando a chiare lettere la mia fedeltà al re Francesco fino alla effusione del mio sangue. Fui odiato ed assoggettato a gravi sofferenze, anche per avere sempre più rinvigorito quei prigionieri miei subalterni. Quelle sofferenze per me furono un incredibile consolazione".

In molti si comportarono con valore ed abnegazione, onore ai nostri Padri!

Filtro     Ordina     Mostra # 
Titolo Hits
Ferdinando Beneventano Del Bosco 3688
Luigi di Jorio 3905
Antonio Cioffi 3804
Francesco Recco 3503
Giovan Luca Von Mechel 6378
Antonio e Eduardo Rossi 3649
Tommaso Cava 4317
Pietro Sarria 3628
Pietro De Francesco 3267
Domenico De Simone 3314
La gloriosa famiglia Marulli 8186
Vincenzo Baccher 5103
Pietro Pelosi 3891
Carlo Corsi 3573
S.A.R.Francesco di Paola di Borbone 4150
Alfonso Piccenna 3219
Thèodule Emile de Christen 3763
Francesco Antonelli 3543
Carlo Zattara 2993
Giovanni Guarriello 3025
Federico Fiore 3794
Luigi Capecelatro 3428
Domenico Bozzelli 4416
S.A.R Luigi di Borbone 3529
Paolo De Sangro 4002
Alessandro Presti 3548
Gabriele Ussani 4991
Vincenzo Dusmet 4358
S.A.R. Alfonso di Borbone 5902
Raffaele D'Agostino 4286
Achille Cosenza 4521
Pasquale Capasso 3683
Carlo Giordano 3713
Giuseppe Campanelli 4915
Domenico Nicoletti 4821
Francesco Saverio Luvarà 3965
 
<< Inizio < Prec 1 Pross. > Fine >>
Risultati 1 - 36 di 36
  • Fanteria di Linea: I Battaglioni Cacciatori  ( 6 oggetti )

    La fanteria pesante dell'esercito borbonico disponeva degli elementi più validi. I battaglioni Cacciatori furono all'altezza della loro fama e contribuirono a salvare l'onore dell'esercito napoletano, partecipando anche alla difesa di Gaeta.


  • I Reggimenti Borbonici delle Due Sicilie  ( 16 oggetti )


    Anche le Due Sicilie hanno avuto una struttura militare, fatta di soldati che si sono coperti d'onore o vigliaccheria, di alto tradimento o di gesta eroiche.

    Uomini che la "ruota rossa" dei vincitori ha cancellato dalla storia.

    Un popolo si annienta anche con l'occultamento dei ricordi , una pulizia della memoria storica , quella fatta  dai piemontesi, fatta con arte chirurgica, naturalmente aiutati da chi , pur nascendo nelle nostre contrade, ha dato un forte contributo per la riuscita della vergognosa impresa.

    La assenza di "Padri", punto di riferimento di un popolo  resta comunque una delle cause principali  della  mancanza identitaria e di orgoglio della nostra gente.

    L'esercito borbonico non era quello che vergognosamente si è etichettato come  "l'esercito di Francischiello", ma un degno mondo di , soldati, uomini, onore.

  • Cenni sulle decorazioni delle Due Sicilie  ( 5 oggetti )

  •   Gli eroi borbonici delle Due Sicilie
  • La Colonna Infame  ( 32 oggetti )


    Nel glorioso esercito del Regno delle Due Sicilie purtroppo non militarono soltanto eroi e buoni militari, ma si distinsero anche generali ed ufficiali che hanno venduto il loro onore, i loro eserciti e l'intera Nazione Duosiciliana all'invasore piemontese.

    Abbiamo pensato di elencare di seguito alcuni di questi tristi personaggi per meglio comprendere il peso notevole delle loro decisioni sulle sorti del Popolo Duosiciliano.

  • Avo Borbonico  ( 327 oggetti )

    A cura di Luca Esposito.

    In questa sezione, con l'ausilio di copiose ricerche ? possibile fornirvi dati ed informazioni su vostri avi distintisi nella campagna militare svolta dall'esercito borbonico negli anni 1860 - 1861.

    Inviate al seguente indirizzo e-mail nome, cognome, e, se possibile, citt? di provenienza dell'avo di cui richiedete informazioni.

    Nell'evenienza in cui non siate in possesso di tali dati, cercheremo comunque di avviare una ricerca con il solo cognome, nei limiti dell'omonimia.

    soldatiborbonici@virgilio.it

    I dati in nostro possesso riguardano soldati borbonici combattenti dal 4 aprile 1860 (rivolta di Gancia) alla resa di Civitella del Tronto (20 marzo 1861).

    Ci scusiamo in anticipo con quanti dovessero richiedere intere liste di soldati, ma purtroppo non possiamo fornirne, le nostre ricerche si limitano a trovare singoli nominativi.

    Le informazioni fornite verranno pubblicate qui di seguito indicando il cognome del richiedente.

     

spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 42 visitatori online
Utenti
20403 registrati
0 oggi
2 questa settimana
2005 questo mese
Totale Visite
11685873 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer