spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Risorgimento

Risorgimento



Divario Sud/Nord:hanno ragione i neoborbonici PDF Stampa E-mail

E’ stato appena pubblicato un volume a cura dello SVIMEZ:  “150 anni di statistiche italiane: Nord e Sud 1861-2011”. Secondo la recensione del Sole 24 Ore conterrebbe “grafici e statistiche che annichiliscono le discussioni, spesso venate di ideologia, fra neoborbonici e nordisti con tendenze anti-unitarie”. In realtà conferma, al contrario, che i “neoborbonici” avevano e hanno ragione quando rivendicano la necessità di ricostruire la storia dell’unificazione italiana in maniera seria ed obiettiva e lontana dalla retorica e (questa volta sì) dalle “ideologie” o patriottico-risorgimentalistiche o nordiste. Il primo dato è quello diffuso già nei recenti studi a cura del CNR e dell’Università di Catanzaro: all’atto dell’unificazione non esistevano differenze nel PIL e nella capacità di creare ricchezza negli stati preunitari (con buona pace di intere generazioni di intellettuali ufficiali che hanno sempre sostenuto la tesi della “arretratezza del Regno delle Due Sicilie”). Solo dopo l’unificazione il PIL diventa diverso “fino a stabilizzarsi in una forchetta compresa fra il 50% e il 60% rispetto al Centro-Nord” (con buona pace degli stessi intellettuali che hanno esaltato tutti gli innumerevoli vantaggi derivati dall’unificazione presso i popoli meridionali). Secondo dato: nel 1861 gli addetti impegnati nell’industria meridionale sono 1,25 milioni: la percentuale della popolazione attiva che si dedica alla manifattura [nell’ “arretratissimo Regno dei Borbone”] è  addirittura superiore con il 22,8%, contro il 15,5 per cento del Centro-Nord”. Altro dato significativo e drammatico: “in centocinquanta anni, l’industria al Sud non supera gli 1,7 milioni di occupati mentre nel resto dell'Italia si arriva in maniera graduale a 5,8 milioni. Al Sud, quasi che il tempo si sia fermato, continua oggi a lavorare nella manifattura una persona su cinque. Come centocinquanta anni fa”. Soprende poco, allora, che le banche si riducano progressivamente nel Sud per aumentare al Nord (fino al recente smantellamento del Banco di Napoli). E sorprende poco anche che la differenza tra le linee ferroviarie si assesti oggi, dopo 150 anni, “a 46,6 chilometri al Sud rispetto ai 61 chilometri ogni mille chilometri quadrati del Centro-Nord” (e c’è ancora chi fa risalire ai Borbone il “gap ferroviario” dimenticando che si preferirono già a quel tempo “le vie del mare” con lungimiranza e per ovvie necessità territoriali).  Si chiude con delle considerazioni quanto mai attuali e legate ad uno dei temi ricorrenti nei cosiddetti “ambienti neoborbonici”: il Sud diventò il mercato del Nord, come confermano lo stesso Sole e lo SVIMEZ: “senza i consumatori del Sud, le merci del Nord sarebbero potute andare soltanto al di là delle Alpi” o, in maniera ancora più chiara e definitiva: “non sarà un caso se, oggi, il 40% di quanto si produce al Nord finisca al Sud e se il 63% di ciò che si spende al Sud vada al Nord”. E decisamente non  possiamo che concordare sulla scarsa casualità di certi dati che andrebbero riferiti a chi punta il dito contro il “Sud che spreca i soldi del Nord”. Il Sole 24 Ore, infine, si pone una domanda (senza rispondersi) che lascia alquanto sconcertati: “per quale ragione il divario fra il Sud e il resto del Paese cresce?”. Forse per le scelte scellerate dei governi nord-centrici con la complicità colpevole e interessata (e forse senza alternative) delle classi dirigenti meridionali? Forse vorrà dire qualcosa che da allora ad oggi “l’industrializzazione del Sud è segnata dalla prevalenza della politica sull’economia e dalla presa dei partiti sui grandi gruppi pubblici”?Risarcimenti, secessionismi, nostalgismi, antiunitarismi o terronismi? Tutto secondario: si tratta solo di raccontare la verità storica a quanti continuano a non rappresentare il Sud in maniera dignitosa e concreta nel nome dell’Italia unita o delle fantasiose teorie del “Sud palla al piede” o “saccheggiatore del Nord” (come sostenuto dai Ricolfi, dai leghisti della prima e dell’ultima ora ma anche da molti opinionisti e politici di destra e di sinistra, del Nord o, addirittura, del Sud...). Se non partiamo da questi dati non possiamo progettare quella reale “par condicio” Nord-Sud auspicata da chi davvero ama la nostra terra e non formeremo mai quelle classi dirigenti adeguate che aspettiamo da un secolo e mezzo.

CIVITELLA 150 PDF Stampa E-mail


Il 20 marzo 1861 si consumò nella fortezza di Civitella del Tronto, nella provincia di Abruzzo Ultra I, l’ultima resistenza dell’esercito delle Due Sicilie di fronte alla barbara invasione sabauda. Se a Gaeta le migliaia di bombe quotidiane aveva costretto alla resa, se a Messina l’impari duello di artiglieria aveva messo fine all’eroismo di Fergola, a Civitella è necessario l’imbroglio, la corruzione e il ricatto per fiaccare lo spirito di resistenza degli ultimi soldati borbonici in armi per la propria Patria. Anche nell’Abruzzo estremo non si trovarono bandiere da esporre quale trofei per la loro frammentazione tra i difensori al fine di sottrarle all’odiato nemico. Ma, a differenza delle altre due fortezze, i soldati duosiciliani non furono solo imprigionati per essere poi quasi tutti deportati a nord per crepare nei lager dei Savoia, i più coraggiosi e animosi furono infatti fucilati subito come criminali. I loro nomi vogliamo indicare alla memoria e alla preghiera di chi legge: Massimelli, Zopito, Zilli e Santomartino (graziato e imprigionato ma ucciso successivamente).
segue video di P.Marino
Leggi tutto...
MESSINA 150 PDF Stampa E-mail


Esattamente il 12 marzo di 150 anni fa, 1861, dopo la resa del Re a Gaeta, capitolava anche Messina e veniva all’alba del 13 ammainata la penultima bandiera del regno borbonico sulla cittadella. Essa aveva resistito con enorme eroismo, data la netta inferiorità di mezzi, un mese oltre Gaeta di fronte al feroce assedio dei guerrieri sabaudi, con in testa il criminale di guerra Cialdini. Quella bandiera, come costume tra i fierissimi difensori del regno delle Due Sicilie, non fu mai ritrovata dai vincitori per esibirla come trofeo. I soldati borbonici si divisero le ultime bandiere gigliate tra loro, celandone i pezzetti perfettamente addosso. Portarono così la loro Patria nei posti più reconditi e nella maniera più appassionata nelle terribili traversie che li attendevano per mano dei barbari calati dal nord. Molti finirono a Fenestrelle per sparire nella calce viva, molti altri divennero briganti per sparare sino all’ultima pallottola contro l’insaziabile nemico, i pochi sopravvissuti spesso presero la mesta via dell’esilio che gli sfruttatori settentrionali chiamarono emigrazione.

Tutti ci lasciarono un messaggio per troppi anni dimenticato: la Patria esiste solo se i suoi figli la invocano e la proteggono senza arrendersi mai. Noi stiamo rintracciando nel nostro inconscio collettivo quello scampolo di bandiera che l’orgoglio dei nostri antenati negò agli invasori. Esso è ancora vivido e palpitante ma solo facendogli ritrovare tutti i suoi simili, disseminati nel DNA dei meridionali di oggi, sarà possibile riformare quella medesima bandiera, la sola in grado di garrire sotto il vento della libertà.

V.G.

 seguono programma commemorativo e narrazione dei fatti storici


Leggi tutto...
GAETA 150: ULTIMO ATTO PDF Stampa E-mail

l 14 febbraio di 150 anni fa terminava l’assedio di Gaeta e quindi anche l’esistenza del Regno delle Due Sicilie con la partenza di Francesco II di Borbone per Roma, primo dei milioni di venturi emigranti che avrebbero lasciato il Sud Italia per le atrocità italo-piemontesi. Per approfondire la tematica riportiamo una pagina di un giornale (purtroppo scomparso) sui giovanissimi difensori che si coprirono di gloria durante i 102 giorni dell’assedio e il consueto riferimento a Il Saccheggio del Sud dello scrivente.
 V.G.
 Dal numero dell' 8 febbraio 1997 del quotidiano "Il Sud"
 

 Il 7 settembre 1860 alla Nunziatella regnava una grande agitazione: la notizia che il Re aveva raggiunto Gaeta e che l'esercito avrebbe tentato un'ultima difesa sulla linea del Volturno, nonostante i silenzi di molti ufficiali ed istruttori, era trapelata. Alcuni dei ragazzi decisero di fuggire dal collegio per raggiungere il loro Re e per poter partecipare all'ultima difesa.

 
Leggi tutto...
BAUCO 150 PDF Stampa E-mail


 

Oggi sono esattamente 150 anni dalla battaglia di Bauco (ribattezzata per ritorsione Boville Ernica) l'unico vero scontro militare di successo dei briganti, capitanati da Chiavone e de Christen con le truppe degli invasori piemontesi di de Sonnaz, detto requiescant per la ferocia nelle repressioni indiscriminate. Quella battaglia dimostrò come le persone civili possono trovare un punto di coesione per fronteggiare la prepotenza della barbarie, pur in inferiorità o precarietà dei mezzi di difesa. Infatti i sudditi papalini di Baùco dettero man forte ai briganti per inferire allo spocchioso esercito sabaudo una sconfitta che resterà memorabile e che ancor adesso brucia e inquieta gli ottusi patrocinatori del risorgimento. REQUIESCANT per il migliaio di granatieri con bandiera tricolore caduti sotto le mura di Bauco!

 

Leggi tutto...
<< Inizio < Prec 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 9 di 170
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 91 visitatori online e 1 utente online
  • Zoxxycot
Utenti
19093 registrati
1 oggi
10 questa settimana
1356 questo mese
Totale Visite
10237750 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer